Un murales per Vasco. Il 17 gennaio la curva sud del Brilli Peri sarà intitolata a Farolfi a 20 anni dalla sua morte

346

Il 16 gennaio 1996 moriva, a Montecarlo, quello che con Lezio Losi è stato il più grande presidente della storia del Montevarchi Calcio, Vasco Farolfi. Il suo cuore, malato, non gli lascò scampo. Quell’anno, il Montevarchi era in C1. L’anno prima la meravigliosa squadra plasmata da Piero Braglia aveva vinto il campionato di C2 al termine di una stagione che rimarrà impressa per sempre nella mente e nel cuore del popolo rossoblù, culminata con la rocambolesca vittoria con il San Donà e con il successo di Lugo di Romagna, davanti a 3.000 tifosi montevarchini festanti. Vasco morì di venerdì e la domenica successiva più di 4.000 spettatori riempirono il Brilli Peri per la sfida con la Spal, la prima senza il grande Vasco. A distanza di vent’anni nessuno si è dimenticato del presidentissimo, nè tanto meno i tifosi della curva sud, che domenica 17 gennaio, prima della partita con il San Donato, sarà intitolata ufficialmente a Vasco Farolfi con una vera e propria cerimonia a cui prenderanno parte, oltre ai tifosi e ai drigenti dell’Aquila, anche il sindaco e i familiari di Farolfi. Per l’occasione sarà presentato anche il murales realizzato all’interno della curva in memoria del presidente. Gli Ultras rossoblù hanno chiamato tutti a raccolta, invitando i supporter anche ad un pranzo pre-partita fuori dallo stadio. Dalle 12.30 saranno serviti panini con porchetta e vino.