Bucine: pensionata di 75 anni muore di tetano

131

Sembrava un graffio, una ferita innocua che si sarebbe risarcita in poco tempo. E invece quella piccola lesione che si era procurata nel giardino di casa si è rivelata letale. Una morte dovuta al tetano, una patologia che sembra di altri tempi e che, al contrario, continua a mietere vittime. A perdere la vita una donna di 75 anni, residente nel comune di Bucine, che qualche tempo fa si era ferita a una mano tagliando una canna nell’orto di casa. E’ bastato il successivo contatto con la terra per inoculare il batterio del Clostridium tetani che non ha lasciato scampo alla pensionata. Dopo alcuni giorni la neurotossina prodotta si è diffusa in modo inesorabile nell’organismo della settantacinquenne, che non sarebbe stata vaccinata, provocandone la morte. A nulla sono valse le cure dei medici che tornano a ricordare come l’unico metodo efficace per prevenire l’infezione sia il vaccino, disponibile per tutti gratuitamente, e i successivi richiami ogni dieci anni.