Assemblea pubblica sulla Pediatria del Serristori di Figline,tante le persone intervenute. Parte la mobilitazione

932

Sala del Consiglio gremita questo giovedì 20 aprile a Figline per la riunione indetta da Comitato per il Serristori, Cobas, circolo Fanin,circolo Acli UniArno ed altre associazioni del territorio incentrata sulla pediatria del presidio figlinese. Reparto che, secondo quanto affermano i promotori dell’iniziativa, rischia seriamente di chiudere per le trasformazioni annunciate dall’Azienda Usl Toscana Centro. E sono state proprio le mamme,insieme agli operatori sanitari del Serristori, ad affollare la sala del municipio figlinese. Secondo gli organizzatori della riunione, i progetti della Usl per la Pediatria del presidio rappresentano l’anticamera di un’ulteriore riduzione dei servizi sanitari erogati dall’ospedale del Valdarno Fiorentino.Durante l’assemblea è stata evidenziata la necessità di mettere in ponte nuove iniziative pubbliche e di sensibilizzazione nonché di coinvolgere nella causa di salvaguardia dell’ospedale figlinese i tre sindaci del Valdarno Fiorentino ai quali è stata inviata una lettera con la richiesta di un incontro urgente.Ribadita nuovamente la richiesta all’Azienda Sanitaria di mettere in atto i Patti Territoriali firmati nel 2013. Patti che, secondo i promotori della riunione di ieri sera, sono ancora in larga parte disattesi.Nel corso della riunione è scaturita anche la decisione di organizzare manifestazioni di protesta a difesa della Pediatria e del Serristori come ospedale per acuti :la prima si terrà sabato 29 aprile alle ore 10 e fissa come luogo di concentramento Piazza Marsilio Ficino lato Logge Serristori. Da lì i cittadini,i promotori,tutte le associazioni e realtà politiche presenti nella società civile e istituzionale che intendono difendere l’Ospedale Serristori raggiungeranno l’ingresso del presidio passando da Corso Mazzini, Piazza XXV Aprile, salita della Senice fino al piazzale dell’ospedale.