Montevarchi. I florovivaisti “adottano” le rotatorie. Primo step in quelle di via dell’Oleandro e di via Chiantigiana

2182

E’ partito in questi giorni il progetto messo a punto dall’amministrazione comunale di Montevarchi e da alcuni florovivaisti della città legato alla sistemazione di alcune rotatorie della città. Un’iniziativa legata ad un regolamento per la gestione delle sponsorizzazioni dei privati varato nei mesi scorsi dalla giunta. Un percorso in linea con i tempi per ovviare alla penuria di risorse e di trasferimenti statali, una via già collaudata nel Bel Paese per il recupero di monumenti e opere d’arte. E se a Roma Della Valle ha messo la firma sul restauro del Colosseo, d’ora in poi a Montevarchi un floricoltore potrà, ad esempio, prendersi cura di un giardino, ottenendo la possibilità di vedere il suo logo sul bene “adottato”. Ed è quello che sta accadendo per davvero.
L’idea è quella di adottare un’aiuola, l’arredo di una rotonda e comunque tutto ciò che è verde pubblico per gestire questo patrimonio in maniera diversa rispetto ad ora. Il primo intervento, sulla rotatoria di via dell’Oleandro, di fronte al Centro Coop. In questo caso, è stato utilizzato un prodotto biologico innovativo, l’acido acetico per la salvaguardia delle rose.
Stamani sono stati ultimati anche i lavori di sistemazione della rotatoria di via della Chiantigiana, zona Cimitero e nelle prossime settimane prenderanno il via i lavori sui rondò di piazzale Allende, dietro lo stadio Brilli Peri e nella parte centrale di piazza della Repubblica, dove ci sono i monumenti. In questi casi saranno risistemate anche le aiuole. Mancano all’appello altri due spazi verdi, per i quali deve essere ancora individuata la ditta che provvederà alla loro sistemazione. Il riferimento è a piazza Dante, all’incrocio con viale Diaz e a piazza Vittorio Veneto, dove ci sono le magnolie. Su ogni rotatoria sistemata, sarà apposto il cartello di sponsorizzazione dell’azienda che ha provveduto all’arredo.

Nella galleria fotografica le rotatorie di via Chiantigiana e di via dell’Oleandro