Polstrada in azione: fermato camionista al volante sotto l’effetto di droghe

345

Tocca anche il tratto valdarnese dell’A1 la maxi operazione della Polizia Stradale Toscana che ha intensificato i servizi alle soglie del ponte di Ferragosto. In particolare in Valdarno gli agenti hanno bloccato un camionista che stava guidando sotto l’effetto di droghe. Poco dopo la mezzanotte di ieri la centrale operativa è stata subissata di telefonate di automobilisti atterriti dal fatto che un Tir faceva letteralmente il “pendolo” da una corsia all’altra dell’Autosole. Sulle sue tracce si sono lanciati due equipaggi della Sottosezione di Battifolle che, dopo un breve inseguimento, sono riusciti a isolare il mezzo pesante ed evitare danni alle altre auto, fermandolo a Badia al Pino. Al volante del camion un siciliano di 37 anni che manifestava i segnali indiscutibili dell’assunzione di stupefacenti: sguardo allucinato, pupille dilatate, parlantina a raffica. Agli uomini in divisa è bastato salire in cabina di guida per scoprire un cucchiaio, un accendino, 3 grammi di marijuana e 3 siringhe appena usate e sporche di sangue. Fermato e condotto in ospedale, l’autista è stato sottoposto agli opportuni controlli che hanno confermato il consumo di metadone, oppiacei e cannabis. Per questo è stato denunciato alla magistratura, con conseguente ritiro della patente e sequestro dell’autotreno.
Nel complesso ieri le 75 pattuglie della Polizia di Stato inviate a monitorare la situazione sulle strade del Granducato, servendosi anche di autovelox e telelaser, hanno accertato 353 infrazioni al codice della strada, con 11 tra patenti e carte di circolazione ritirate e la decurtazione di 397 punti dalle patenti.
Oltre al camionista pizzicato in Valdarno sono stati denunciati due stranieri: il primo perchè possesso di borse contraffatte, mentre il secondo, già rimpatriato, era rientrato in Italia senza autorizzazione.