Scuola, vaccinazioni obbligatorie: il Comune di Montevarchi ricorda le regole

348
Close up of doctors hands preparing a vaccine to inject patient

Vaccinazioni obbligatorie per i bimbi delle scuole dell’infanzia, della materna e dell’obbligo. L’amministrazione comunale di Montevarchi ricorda che a seguito delle disposizioni contenute nella Legge 119 del 31 luglio scorso è necessaria l’attestazione dello stato vaccinale per iscrivere i bambini all’anno scolastico 2017-2018.
Per i minori di età compresa tra 0 e 16 anni sono tassative e gratuite dieci vaccinazioni in via permanente, quelle contro poliomielite, difterite, tetano, epatite B, pertosse, Haemophilus influenzae di tipo b, morbillo, rosolia, parotite e varicella.
Mamme e babbi dovranno presentare l’apposito libretto o l’esonero per malattia certificato da un pediatra o, ancora, la prenotazione delle vaccinazioni mancanti. Per i piccoli da 0 a 6 anni c’è tempo fino al 10 settembre, mentre per la scuola dell’obbligo fino al 31 ottobre. In mancanza del libretto vaccinale è prevista l’ autocertificazione e in questo caso la documentazione comprovante quanto dichiarato deve essere presentata entro il 10 marzo 2018.
Nei giorni scorsi la Conferenza Zonale dell’Istruzione dell’Area Valdarno ha inviato una lettera a sindaci e dirigenti dei Servizi Educativi ricordando i dettami principali previsti dalla normativa e invitando a comunicarli alle strutture dell’infanzia pubbliche e private del comprensorio.
Si rammenta, infine, che chi viola l’obbligo potrà incorrere in sanzioni amministrative pecuniarie da 100 a 500 euro e che a breve sarà istituita la nuova anagrafe dei vaccini con la registrazione di tutti i vaccinati e non, dosi e tempi di somministrazione e degli eventuali effetti indesiderati.