Atto di vandalismo sulla facciata della Chiesa di Ganghereto a Terranuova

1187

Non bastano le scritte sui muri di cinta o sui sottopassi delle stazione. Adesso qualcuno va oltre, prendendo di mira addirittura un edificio sacro. Così, in queste notti, uno o più vandali, così devono essere chiamati, ha pensato bene di “deturpare” con una scritta la facciata della chiesa di San Niccolò a Ganghereto, in via Toti, in pieno centro storico a Terranuova Bracciolini. Un gesto vergognoso, un atto vandalico che, per giunta, ha colpito un luogo molto caro ai terranuovesi, al centro di un progetto di restauro che vede in prima fila i membri del comitato “Salvare Ganghereto” , guidato dalla dottoressa Paola Francioni, che stanno raccogliendo fondi per recuperare il gruppo in terracotta policroma all’interno della chiesa. Amareggiati non solo i rappresentanti del comitato, ma anche i molti terranuovesi che in questi giorni sono passati di fronte all’edificio, scuotendo la testa per un atto inqualificabile.