Finanziata la nuova variante del Ponte Mocarini. Chienni: “Siamo vicini al traguardo”

1219
Il Sindaco di Terranuova Chienni insieme al Ministro Lotti, al Presidente del Consiglio Regionale Giani e al Deputato Pd Parrini durante una recente visita nella zona del Ponte Mocarini

Finalmente ci siamo. La nuova variante del Ponte Mocarini, fondamentale per chiudere il cerchio della Variante alla 69 nel tratto aretino, ben presto potrebbe diventare realtà. Dopo il finanziamento del Cipe di 5 milioni di euro e l’investimento previsto dal comune di Terranuova di 1,2 milioni di euro, ecco che arrivano ulteriori 7,8 milioni di euro grazie al fondo per lo sviluppo e la coesione 2014-2020.
L’opera verrà a costare circa 15 milioni di euro, quindi possiamo dire che è stato fatto un passo decisivo per l’avvio dei lavori. La notizia è stata annunciata stamani a Firenze nel corso di una conferenza stampa sulla rete infrastrutturale della Toscana. Questo quanto stabilito sulla base dell’intesa raggiunta tra il Governo e la Regione. L’opera consiste nella realizzazione di una viabilità in fregio all’Autostrada del Sole (dal km 5+700, area Le Coste) per una lunghezza complessiva di circa 2.5 km fino al casello Valdarno per poi collegarsi in prossimità di quest’ultimo all’attuale S.P. 11. Ciò consentirà di evitare problemi di traffico nella zone del Ponte Mocarini e del Ponte dell’Arno, tra Terranuova e Montevarchi.
Nel novembre scorso il Ministro Luca Lotti, nella sua funzione di Segretario del Cipe, insieme al deputato Dario Parrini e il Presidente del Consiglio regionale Eugenio Giani aveva fatto un sopralluogo nella zona interessata ai futuri lavori in compagnia del Sindaco di Terranuova Sergio Chienni, che ha accolto con grande soddisfazione la notizia. “E’ davvero un ottimo risultato. Adesso – ha detto – manca davvero poco perché l’opera sia interamente finanziata. Un intervento molto importante per lo sviluppo produttivo del Valdarno e per migliorare la viabilità della nostra vallata. Restano ancora passaggi significativi da fare, ma finalmente si intravede la possibilità di rendere fattibile un’opera strategica”. Chienni ha poi ricordato che l’infrastruttura è fondamentale anche per sviluppare a livello produttivo l’area circostante il casello, creando così le condizioni per nuovi posti di lavoro”.
Sulla stessa lunghezza d’onda la Consigliera Regionale Valentina Vadi, che ha sottolineato come i fondi strutturali europei rappresentino il principale strumento finanziario per sviluppare la coesione economica, sociale e territoriale e rimuovere gli squilibri economici e sociali delle diverse aree. “Un ringraziamento particolare va all’assessore alla viabilità e alle infrastrutture della Regione Toscana, Vincenzo Ceccarelli per l’importante lavoro che ha svolto”.
Anche l’Onorevole Marco Donati ha parlato di grande novità per il Valdarno e non solo, resa possibile grazie all’investimento del Governo. “Una risposta infrastrutturale attesa da anni – ha aggiunto – che favorirà l’economia, la circolazione, l’ambiente e la vita delle persone. Fin dall’inizio del mio mandato parlamentare ho seguito con attenzione il percorso di realizzazione della bretella, oggi grazie alle nuove risorse si compie un significativo passo in avanti per la sua realizzazione”.