“Scuola senza zaino” arriva all’Istituto “Petrarca” di Montevarchi. Da settembre via al percorso

983

Anche l’Istituto “Francesco Petrarca” di Montevarchi si appresta ad aderire alla rete “Scuola senza zaino”, pensata per rispondere a un crescente bisogno di innovazione didattica e costruire una ‘scuola comunità’, luogo di condivisione e di cooperazione.
Ad oggi sono 130 le scuole toscane e 11.800 sudenti che partecipano al progetto promosso dalla Regione Toscana e ideato da Marco Orsi nel 2002 sull’esperienza di piccole comunità e dalla sperimentazione di metodi di insegnamento innovativi.
Nel prossimo mese di settembre i docenti dell’Istituto montevarchino parteciperanno a corsi di formazione indispensabili per accedere alla rete insieme a modernizzazione delle strutture, percorsi accreditamento e attività di valutazione.
“Togliere lo zaino è un gesto reale – spiegano i promotori – infatti gli studenti sono dotati di una cartellina leggera per i compiti a casa, mentre le aule e i vari ambienti sono arredati con mobilio funzionale e con una grande varietà di strumenti didattici sia tattili che digitali. Ma togliere lo zaino ha anche un significato simbolico in quanto vengono realizzate pratiche e metodologie innovative in relazione a tre valori a cui ci si ispira: la responsabilità, la comunità e l’ospitalità”.
“Il modello ‘Senza zaino’ piace sempre di più – ha commentato l’assessore regionale all’istruzione Cristina Grieco stamani durante la cerimonia della consegna delle targhe identificative agli istituti aderenti al progetto – perchè è innovativo e di qualità. Quasi 12.000 alunni stanno imparando attraverso questo metodo, applicato dall’infanzia fino alle scuole di secondo grado, anche se la fascia di età preponderante resta quella della primaria. Il progetto si poneva la finalità di rielaborare i modelli didattici, ma a differenza di altri è riuscito a dare risposte efficaci alle complesse esigenze che gli insegnanti hanno oggi”.