Dimesso stamani dall’Ospedale il giovane tifoso del Montevarchi caduto ieri sulle gradinate a Città di Castello

1198

Una buona notizia dopo una domenica di grande tensione. Questa mattina il giovane 25enne tifoso del Montevarchi che si è sentito male ieri al Bernicchi di Città di Castello, sbattendo la testa sui gradoni dello stadio, è stato dimesso dall’ospedale. Una storia a lieto fine quella che ha avuto come protagonista il supporter aquilotto che questa domenica, insieme ad un altro centinaio di sportivi montevarchini, aveva seguito la squadra in terra umbra, per la gara di campionato tra Sansepolcro e Montevarchi.
Attorno alle mezzora della ripresa, il ragazzo ha accusato un malore ed è caduto a terra, sbattendo violentemente la testa su uno dei gradoni di cemento dello stadio. Immediato l’Sos. La partita è stata sospesa e il primo a soccorrere il giovane è stato il dottor Luca Tegli, padre del secondo portiere del Montevarchi, di professione cardiologo. Il dottor Tegli ha effettuato le prime manovre di rianimazione, compreso un massaggio cardiaco. Poi sono arrivati i sanitari, che hanno stabilizzato il giovane tifoso portandolo successivamente in’ambulanza in ospedale. La partita è rimasta sospesa per quasi venti minuti.