Presentata la lista “Sinistra per Laterina Pergine Valdarno”. Giovanni Lari candidato sindaco

2588

Presentata la lista “Sinistra per Laterina Pergine Valdarno”. Correrà alle prossime elezioni amministrative del 10 giugno nel neonato comune unico con il candidato sindaco Giovanni Lari, operaio già assessore nella Giunta guidata dal sindaco Catia Donnini.
“Ci presentiamo ai cittadini – hanno sottolineato – con le nostre “facce”, senza infingimenti e senza nascondersi dietro liste pseudo-civiche come fanno Stefano Bellezza (rappresentante inequivocabile del centrodestra) e Simona Neri (candidata inconfondibile del PD)”
La proposta che lanciano è definita “alternativa e di cambiamento”, di cittadinanza e di sinistra. “Politiche locali che mettano al centro gli ultimi della nostra comunità, la lotta alla diseguaglianza sociale, alla povertà, facendo in modo che il Comune di Laterina Pergine Valdarno diventi un laboratorio per la giustizia sociale: progressività fiscale, politiche – per quanto di competenza – redistributive che garantiscano il diritto all’abitare, alla salute, a un comune vivibile, insomma ad una vita dignitosa”.
Tra le priorità elencate la difesa dei servizi municipali “che gli enti locali sono stati e sono costretti a tagliare drasticamente a causa delle politiche di austerità imposte dall’alto: deroga dai vincoli di bilancio a partire dall’applicazione piena della Sentenza della Corte Costituzionale che conferma che vengono prima la tutela costituzionale dei diritti primari della popolazione e solo dopo i vincoli imposti dalla scarsità di
risorse”.
Ecco l’elenco dei candidati al Consiglio comunale
Manuela Minetti, commercialista – Silvano Bianchi ensionato – Nadia Giuseppina Brandi, casalinga – Remo Bulletti, pensionato – Sara Di Lello veterinaria – Pietro Curto, insegnante in pensione – Francesca Lamioni, impiegata – Fausto Tenti,impiegato Provincia di Arezzo – Vanessa Milaneschi, impiegata indotto Power-One – Lucia Ornamenti, disoccupata – Matteo Nocentini, impiegato – Rossella Lattanzia, funzionaria di banca.