San Giovanni: 4 incidenti in meno di 10 giorni. Residenti esasperati: “Quell’incrocio è pericoloso”

1839

Ennesimo incidente stradale all’incrocio tra le vie Piave e Trieste a San Giovanni. Attorno alle 16 due vetture si sono scontrate e la dinamica è la stessa di sempre: chi arriva al crocevia da via Trieste non si ferma allo stop e si schianta spesso e volentieri contro chi transita in via Piave.
Una mala consuetudine che stavolta ha fatto finire all’ospedale di Santa Maria alla Gruccia i due automobilisti al volante. Soccorsi dalle ambulanze del 118 sono stati trasferiti al monoblocco per le cure del caso anche se le loro condizioni non sarebbero gravi.
E’ il quarto episodio del genere avvenuto nella zona in poco più di una settimana e i residenti sono esasperati per una situazione che si protrae nel tempo e crea pericoli anche a chi cammina sul marciapiede in prossimità della supertrafficata intersezione viaria del centro.
“Nel penultimo scontro – raccontano – solo per pura fortuna un abitante è riuscito a mettersi in salvo evitando di venire travolto dalle auto. Abbiamo rappresentato più volte all’amministrazione comunale, sia verbalmente sia con varie raccolte di firme e pure in occasione delle consultazioni per il nuovo piano urbano del traffico, i rischi di questo incrocio, eppure ancora nulla è stato fatto”.
Secondo i cittadini il numero record di scontri sarebbe dovuto alla scarsa visibilità del segnale di Stop collocato in via Trieste e alla velocità dei veicoli che transitano in via Piave, l’accesso al centro storico da Lungarno Risorgimento.
Alla luce dell’ultimo evento gli abitanti tornano a chiedere attenzione agli amministratori e provvedimenti ormai non più rinviabili.