Montevarchi. il Sindaco dice si ad un tavolo di confronto sul tema dei rifiuti

776

Il sindaco di Montevarchi Silvia Chiassai Martini si è detta favorevole all’apertura di un tavolo di confronto tra Comuni, Sei Toscana e sindacati per affrontare a 360 gradi le prospettive della gestione dei rifiuti in area vasta. Palazzo Varchi, nello specifico, chiede risposte certe sui 4 milioni e 200mila euro di disavanzo, sul personale dipendente, sui disagi causati ai cittadini a causa di quelle che sono state definite “inefficienze del servizi” e sul futuro degli impianti nel territorio, ovvero la discarica di Podere Rota.
La Chiassai ha ricordato come, da mesi, il Comune di Montevarchi stia mandando report a Sei Toscana per denunciare e contestare la scarsa pulizia delle isole ecologiche e il mancato svuotamento regolare dei cassonetti, specialmente del multimateriale, che creano lamentele dei cittadini, con criticità legate anche al mantenimento del decoro della città.
“Non vorrei poi che l’ultima vicenda del decreto dignità si trasformasse nella solita “palla al balzo” presa dall’azienda per abbassare i costi e attivare risparmi di spesa, a scapito di lavoratori e comunità – ha aggiunto la Chiassai – . Da questo punto di vista chiederemo certezze sui numeri e sul rispetto degli standard qualitativi anche sul trattamento dei dipendenti e sulle modalità di svolgimento del servizio. Per quanto mi riguarda – ha aggiunto la Chiassai – dico anche basta alla politica dello scaricabarile chiamando in causa la Regione Toscana. Non a caso avevo richiesto già da tempo all’Ato di inserire all’ordine del giorno dell’assemblea dei sindaci proprio la questione della discarica valdarnese di Podere Rota e la cessazione delle attività di conferimento entro il 2021. Spero di discuterne a settembre sia in assemblea dei sindaci che in ogni tavolo di confronto aperto”. Per la Chiassai il Valdarno ha già dato in termini di sfruttamento dei rifiuti. Riguardo alla posizione unitaria espressa dal Pd valdarnese (ad eccezione di Terranuova) sulla chiusura del sito, il sindaco di Montevarchi ha auspicato che gli amministratori e i consiglieri regionali del Partito Democratico seguano questa rotta. “Altrimenti – ha concluso – sarà il solito fumo gettato negli occhi dei cittadini in vista di nuove scadenze elettorali”.