Rifiuti e sicurezza dei ponti. I 5 Stelle di San Giovanni attaccano il Pd. “Solo idee non suffragate dai fatti”

646

Il Pd predica bene e razzola male. E’ questo il senso dell’intervento del Movimento 5 Stelle di San Giovanni su due temi molto attuali: la sicurezza dei ponti cittadini e il futuro della discarica di Podere Rota. Intervento che arriva a pochi giorni di distanza da una nota del Partito Democratico cittadino, che ha chiesto collaborazione alle forze di opposizione.
“Eppure – hanno spiegato i pentastellati – la segretaria sangiovannese che siede in consiglio regionale tra le file del Pd, quando ha avuto la possibilità di votare la mozione presentata dal movimento 5 Stelle dove si chiedeva la chiusura della discarica entro il 2021 si è astenuta. Eppure furono molti in quel periodo i nostri appelli alla collaborazione. Se non bastasse questo episodio – ha aggiunto il capogruppo Tommaso Pierazzi – possiamo ricordare alla segretaria locale che un anno fa, ad aprile 2017, in Regione Toscana il Movimento 5 Stelle aveva presentato una mozione al fine di predisporre un piano di controllo e manutenzione delle nostre infrastrutture, compresi i ponti locali”.
Nello specifico si chiedeva di attivare una indagine puntuale su tutte le infrastrutture viarie presenti sul territorio al fine di predisporre una mappa in cui fossero chiare le carenze infrastrutturali e gli interventi manutentori da realizzare. Si chiedeva inoltre di predisporre un cronoprogramma per la messa in sicurezza di tutte le infrastrutture presenti sul territorio regionale.
“Ma anche in quell’occasione – ha ricordato il movimento – il documento ci fu bocciato grazie al voto compatto del gruppo regionale del Pd, di cui fa parte la consigliera Vadi, salvo poi ricredersi in questi giorni e in tutta fretta prevedere piani urgenti solo a seguito dei fatti drammatici di Genova. Adesso ci vorrà almeno un anno prima di avere il quadro completo delle infrastrutture locali, mentre se avevano approvato la nostra mozione 15 mesi fa eravamo già nella fase conclusiva delle valutazioni.”
Riguardo poi alla gestione dei servizi, i 5 Stelle hanno sottolineato che questi giorni Sei Toscana sta tenendo col fiato sospeso centinaia di lavoratori oltre ad aver certificato un disavanzo di 4,5 milioni di euro e il Partito Democratico sangiovannese non ha detto una parola in merito. “Anzi, quando abbiamo portato in consiglio comunale la mozione per chiedere al Sindaco di mettere all’ordine del giorno in Ato la messa in discussione del rapporto con Sei Toscana a seguito di gravi inadempienze – hanno ricordato – , è stata bocciata dalla maggioranza. Ed è proprio alla luce di tutto questo che non capiamo come si possa invocare collaborazione, quando proprio loro hanno rimandato al mittente qualsiasi aiuto. Noi – hanno concluso i pentastalleti – ci auguriamo un rinnovamento all’interno di quello che fu il partito di maggioranza sangiovannese, sperando che alle prossime elezioni comunali ci siano volti nuovi che possano portare un livello maggiore di confronto e di collaborazione per il bene della città, mettendo fine ad atteggiamenti arroganti e ipocriti che rovinano il confronto”.