Il presidente della Regione Rossi fa il punto sulle opere di mitigazione idraulica. Casse di Figline pronte entro il 2021

469

Le Casse di espansione di Figline saranno terminate tra il 2020 e il 2021: il presidente della Regione Enrico Rossi ha fatto il punto oggi sulle opere di messa in sicurezza idraulica con i responsabili dei 5 Geni civili e dei 6 Consorzi di Bonifica operativi sul territorio regionale. E tra le principali opere a tutela, Rossi ha ricordato proprio l’ultimazione della cassa di espansione sull’Arno di Figline 1, i lavori in corso sulla 2 e sulla 3 e la fase di progettazione ultimata per Figline 4. Tutte insieme dovrebbero essere funzionanti, appunto, entro il 2020-21, attenuando il pericolo Arno. Inoltre tra le altre grandi opere di tutela c’è l’attesa, dall’ufficio dighe del ministero delle infrastutture, del via libera al raddoppio della diga di Levane. Sul fronte della manutenzione, da qui alla fine dell’anno verranno completati gli interventi già in corso e dall’inizio del 2019 cominceranno nuove opere di ripulitura dei letti dei fiumi dalla boscaglia selvaggia che ne riduce la portata e rappresenta un pericolo in caso di piena.”Per far questo – ha detto Rossi– serviranno risorse in più. Intanto abbiamo confermato, così come avviene dal 2016, per il 2019 i 6,5 milioni di euro che abbiamo erogato nel 2018 ai Consorzi per le opere di manutenzione ordinaria dei corsi d’acqua. Ma ho chiesto ai presenti di tornare presto qui per una nuova riunione con una stima delle necessità economiche ulteriori alle quali cercheremo di far fronte grazie ad uno sforzo aggiuntivo da parte della Regione. Aumentare la capacità di deflusso dei fiumi – ha aggiunto Rossi – ha un impatto importantissimo perché una efficiente manutenzione produce benefici paragonabili a quelli di una cassa di espansione. In alcuni casi può significare evitare che l’acqua esondi e invada case e aziende. Noi siamo disposti a finanziare con risorse aggiuntive questi interventi, che i Consorzi devono impegnarsi a realizzare nel corso del 2019″.