Reggello. Ubriaco aggredisce prima una coppia in un bar e poi i carabinieri minacciandoli con un coltello. Arrestato

503

E’ stato arrestato per minaccia e resistenza a Pubblico Ufficiale un 43enne portoghese che ieri ha dato in escandescenze a Prulli di Reggello. L’uomo era stato notato mentre, nel pomeriggio, con la sua auto, stava procedendo a zigzag e per questo erano stati chiamati i Carabinieri. Ma quando i militari sono giunti sul posto, dell’uomo nessuna traccia. E’ però ricomparso qualche ora più tardi in un bar, dove, in preda ai fumi dell’alcool, ha aggredito per futili motivi una coppia di avventori, minacciandoli con un coltello a scatto con lama da 9 cm.
L’intervento degli uomini in divisa, che nel frattempo erano stati allertati, lo ha fatto desistere. L’aggressore è stato quindi accompagnato a piedi nella propria abitazione. Un tragitto complicato. Il lusitano, infatti, ha opposto resistenza minacciando di morte i Carabinieri che, viste le difficoltà di deambulazione del soggetto, sono stati aiutati anche da un volontario della Croce Azzurra di passaggio.
Gli stessi militari sono poi diventati il nuovo obiettivo della furia dell’uomo, il quale, appena entrato in casa, ha preso un paio di coltelli da cucina, con lame da 14 e 20 cm, e, continuando a minacciarli di morte, li ha aggrediti tentando di colpirli seguendoli in strada. Solo l’intervento dell’equipaggio dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia CC di Figline Valdarno ha fatto desistere il 43enne che, a quel punto, ha cercato di scappare. E’ stato però bloccato e arrestato per Violenza o Minaccia e Resistenza a Pubblico Ufficiale e Minaccia e Porto di armi atte ad offendere. I tre coltelli sono stati sequestrati.