Rotatoria dell’area artigianale di Levane, Confartigianato: “Basta con i battibecchi, l’opera è necessaria”

322

“Viabilità in Valdarno ancora al palo”. E’ durissimo il presidente di zona di Confartigianato Maurizio Baldi che era intervenuto settimane fa per chiedere ai Comuni di Bucine e Montevarchi di mettere in sicurezza l’incrocio dell’area artigianale di Levane.
Nonostante le rassicurazioni dei due sindaci, che in febbraio sembravano aver trovato l’accordo verbale per realizzare la rotatoria all’incrocio di via Valiani, fra Levane e Levanella, il progetto rimane solo sulla carta e l’opera un’ipotesi sempre più lontana.
“Purtroppo – continua Baldi – sembrano prevalere i particolarismi delle due amministrazioni a scapito della sicurezza stradale e degli interessi delle centinaia di imprese che giornalmente devono fare i conti con una situazione fuori controllo! Quello che più dispiace è il rimpallo di responsabilità in atto tra il sindaco Silvia Chiassai, che attualmente è anche presidente della Provincia di Arezzo, e Pietro Tanzini, sindaco di Bucine. Un rimpallo che non consente di dare attuazione ad un progetto necessario per la viabilità e penalizza fortemente un’area strategica per l’intero Valdarno”.
Aldilà delle singole posizioni, l’invito del presidente dell’associazione di categoria è a sbloccare un’infrastruttura già definita fattibile e cantierabile.
“Mi auguro che prevalga il buon senso – conclude – e che in tempi brevi si riesca ad aprire il cantiere”.