“Invito all’ascolto”. Tornano le lezioni di storia della musica curate dal professor Papini presso il Ridotto del Teatro Garibaldi

260

Torna la rassegna “Invito all’ascolto”, che il Coro del Teatro Garibaldi organizza per approfondire i testi, le musiche, il contesto storico e gli autori dei brani della Stagione Concertistica del Garibaldi. A curare i sei appuntamenti sarà il direttore del Coro, Alessandro Papini, che li proporrà pochi giorni prima del relativo concerto, spiegando qual è il fil rouge che unisce i vari autori e le opere programmate.
Il primo incontro si intitola “Il rigore della forma, la perfezione dello stile. Brahms, un ponte fra classico e moderno” ed è fissato per lunedì 10 dicembre alle 17,30 al Ridotto del Teatro. Oltre a quelle di Brahms si approfondiranno anche le opere di Berio e Sibelius.
Quello dell’invito all’ascolto musicale è un modo per avvicinare gli amanti del genere, ma soprattutto nuovi pubblici, al teatro, con particolare attenzione per i giovani dai 15 ai 25 anni. Non a caso, questi incontri si inseriscono nell’ambito di un più ampio progetto dal titolo “Non è cultura per vecchi”, realizzato grazie al contributo di Fondazione CR Firenze nell’ambito di un bando per programmi di ampliamento e di sviluppo dei pubblici per gli spettacoli dal vivo.
Il progetto comprende laboratori teatrali, ideazione e preparazione di spettacoli di prosa, incontri con i professionisti del settore, lezioni concerto di approfondimento musicale, interviste al pubblico della stagione teatrale e coinvolgimento dei ragazzi delle scuole superiori del Valdarno.