Sara Galeotti vince il concorso letterario “Petrarca.Fiv”. Sabato scorso la premiazione

281

Con la cerimonia di premiazione si è conclusa l’edizione 2018 del concorso letterario di narrativa breve “Petrarca Fiv” organizzato dal Comune di Figline e Incisa Valdarno e dall’associazione culturale Con.tempo. Quest’anno era stato scelto il tema “Identità e radici”.
A vincere è stato il racconto “Ritratto di bambina grassa con Tajin” di Sara Galeotti. Un brano che racconta l’esperienza di una ragazzina musulmana, che migra in Italia con la sua famiglia portando con sé un piatto in terracotta regalatale dalla nonna, un tajin, che serve a cuocere l’omonimo piatto (tipico del Nord Africa).
La premiazione si è tenuta sabato pomeriggio a Casa Petrarca, a Incisa, dove il racconto è stato letto da Mario Pietramala, attore che ha recitato con colleghe dal calibro di Monica Guerritore e registi come Gabriele Lavia e che è stato voce narrante delle serate di votazioni da parte del pubblico di entrambe le edizioni del concorso.
Con la prima classificata (che si è aggiudicata anche 500 euro), la giuria tecnica – composta dalle case editrici Effequ, Edizioni Black Coffee e Spider&Fish – ha selezionato anche altri sei racconti, che saranno pubblicati all’interno di un volume edito dal Comune e da Con.tempo e illustrato da Giulia Pastorino.
Ecco i titoli che finiranno nell’antologia, in uscita tra aprile e maggio: “Randagio” di Erika Pedretti; “La parabola dei fichi” di Agnese Raucea, “L’amaca” di Andrea Constantini”, “Perchè mettere tutto e non i pedali” di Nicola Della Pergola, “Il certificato” di Diana Sinigaglia e “Al suo posto” di Annamaria Voltan.
Tutti titoli che, oltre alla prima scrematura da parte di Con.tempo, hanno passato altre due fasi di selezioni e cioè le votazioni del pubblico in sala durante le letture pubbliche del 29 novembre e del 7 dicembre.