San Giovanni. Inizio boom dei saldi. Mantovani: “Lo scorso week end grande affluenza in centro”

347
Paolo Mantovani

“I saldi a San Giovanni sono partiti benissimo”. Si è detto molto soddisfatto il presidente della Confcommercio cittadina Paolo Mantovani, che ha tracciato un primo bilancio dello shopping a prezzi scontati nel primo fine settimana di gennaio. “Le previsioni che avevamo fatto con la Confcommercio parlavano di una tenuta. Qualcuno addirittura aveva ipotizzato lievi flessioni. Invece – ha detto Mantovani – il primo week end di saldi è andato benissimo. Sia sabato che domenica nella nostra città c’è stata tantissima gente. Non so dire se a livello di volume la spesa si sia attestata sui livelli dello scorso anno, ma la sensazione è positiva. Noi – ha aggiunto Mantovani – avevamo un po’ il timore che con il Black Friday, che ha avuto grande successo, ci fosse un disinteresse verso i saldi. Ma in questi primi due giorni di interesse ce n’è stato, eccome! Ho visto tantissime persone a giro per Corso Italia. Certamente, all’afflusso, ha contribuito anche l’evento di sabato organizzato da Confcommercio. Tantissime famiglie hanno preso d’assalto il nostro centro storico e in una giornata gelida il lancio delle lanterne è stato bellissimo”.
Insomma, per il presidente della Federmoda di Arezzo i saldi stanno confermando il loro appeal anche in queste primissime ore. “Chi entra in negozio spesso sa già benissimo cosa vuole – ha precisato -. E’ quindi evidente che abbia aspettato proprio questo momento per fare gli acquisti più impegnativi risparmiando. Insomma, si è preparato ai saldi in maniera scientifica e adesso premia i commercianti di fiducia. Vedremo nei prossimi giorni se questo interesse è solo un fuoco di paglia destinato ad esaurirsi in poco tempo oppure no”.
Insomma, sarà stata la coincidenza con un sabato di un periodo ancora festivo, sarà stata la voglia di risparmiare, ma questa prima giornata di saldi si è aperta all’insegna della vivacità. Molta gente si è riversata per le strade, c’è stato un via vai nei negozi e qualche fila fuori dai grandi magazzini. È un grande rito collettivo a cui tutti vogliono partecipare, ognuno secondo il proprio budget di spesa – ha concluso il direttore regionale di Confcommercio, l’aretino Franco Marinoni -. È un’esperienza da condividere con la famiglia o con gli amici. E nulla può sostituire il divertimento di queste ore trascorse a fare shopping passando in rassegna le vetrine. Il commercio online in questo senso non potrà mai sostituire i negozi fisici perché non dà lo stesso appagamento di un’esperienza condivisa”.