Castelfranco Piandiscò. La Lista Civica e la Lega incontrano i cittadini: “fusione esperienza negativa”

460

Una cinquantina di persone hanno preso parte ieri sera alla Casa della Salute di Castelfranco di Sopra all’incontro pubblico organizzato dalla Lega e dalla Lista Civica Castelfranco Piandiscò. Relatori Marco Morbidelli per il movimento e Marco Casucci, consigliere regionale del Carroccio. Si è parlato innanzitutto della fusione. Operazione che, per i due esponenti, ha portato solo risvolti negativi, a causa anche della normativa regionale inadeguata, che deve essere cambiata.
“In più – ha detto Casucci – i cittadini sono stanchi per l’approssimazione con la quale il Pd affronta tutta una serie di problematiche: dal lavoro, all’ambiente, alla sanità, allo sviluppo dei territori. Serve fare molto di più per il Valdarn, che deve essere considerato in modo omogeneo e non frammentato come invece avviene solitamente. Questa – ha aggiunto – è un’unica vallata: la cittadinanza di Castelfranco, ad esempio, per certi servizi si rivolge a Firenze e per altri ad Arezzo, si deve ragionare in termini di identità valdarnese”.
“Non serve soltanto fare i leoni da tastiera ma mettersi in campo in prima persona, spendersi per il territorio – ha proseguito Morbidelli – . Non si può sempre delegare agli altri. Mi batterò quindi per cambiare l’attuale amministrazione. La serata ha avuto una grande partecipazione, nonostante il maltempo, è venuta molta gente a confrontarsi con noi. La priorità è quella di impegnarsi per cambiare le cose, per risolvere problemi e criticità. Bisogna risollevare l’amor proprio della gente”.
Si è parlato anche di sanità con gli ospedali della Gruccia e del Serristori, bisognosi di interventi urgenti a partire dalla classificazione di 1° livello per il monoblocco e di lavoro, con i tristi casi dell’Ivv, della Bekaert e della Cotto Pratigliolmi. Erano presenti in sala alcuni lavoratori delle aziende. Infine, Morbidelli e Casucci si sono soffermati sulle conseguenze negative che la centralizzazione regionale di acqua e rifiuti comporta per le tasche dei cittadini.