Terre della Tav. Intervengono i 5 Stelle di Cavriglia: “Non arrivano? Il Pd se ne deve fare una ragione”

442

Nei giorni scorsi il sindaco di Cavriglia Leonardo Degl’Innocenti o Sanni ha parlato del mancato arrivo delle terre della Tav, chiedendo che, in caso di no definitivo, venga smantellato il cantiere che ospita i capannoni che sarebbero dovuti servire per lo stoccaggio dei materiali.
Sulla vicenda sono intervenuti i 5 Stelle di Cavriglia.” Lo smaltimento dei capannoni a Santa Barbara verrà fatto a tempo debito – ha detto il capogruppo Massimiliano Secciani – . Noto con soddisfazione che il sindaco continua ad usare la leva occupazionale in modo demagogico, citando montagne di soldi che potevano arrivare e sfruttando un opera inutile e dannosa”. A detta dei 5 Stelle, in base agli studi effettuati, le terre che sarebbero dovute arrivare a Cavriglia non erano certo adatte a scopi di coltivazione. “Perciò – ha proseguito Secciani – dico che ci siamo stufati di chiudere un occhio come ha fatto sempre il Pd. Se la Tav di Firenze è inutile, dannosa per l’ambiente, altamente dispendiosa, se ne devono fare una ragione”.
Riguardo poi ai benefici in termini di viabilità, il tunnel del Porcellino, a detta dei 5 Stelle, sarebbe stato anche inutile, dato che avrrebbe spostato l’imbottigliamento del traffico più a valle risolvendo solo in parte il problema viabilità a scapito di ingenti risorse. “Quindi – ha detto il capogruppo – sarebbe più opportuno pensare ad una soluzione in superficie ad un costo economico e ambientale accettabile . Questo loro modo di pensare è un condensato delle ragioni per cui molti sono diventati 5 stelle . Mi fa amaramente sorridere – ha concluso Secciani – la loro idea politica che guarda solo ai profitti non tenendo conto dei danni a lungo termine e penso siano convinti fermamente che“pecunia non olet”. Perciò rispondendo al sindaco come molte volte ha fatto con noi, quando avrò dati certi sarai il primo a saperli”.