Donazione del Calcit del Valdarno Fiorentino all’ospedale Serristori. Nuovo strumento per i traumi al ginocchio

786

Una nuova strumentazione per favorire la ripresa di chi ha subito un intervento di chirurgia protesica o per il trattamento di chi si è operato per traumi al ginocchio è in funzione all’ospedale Serristori di Figline. Il macchinario è in dotazione al reparto diretto dal dottor Federico Cuccuini ed è stato donato dal Calcit del Valdarno Fiorentino. Abbina sinergicamente l’innovativa tecnologia di compressione attiva e un circuito di scambio del freddo, ed è composto da una unità di controllo dotata di microprocessore e da una serie di bendaggi ergonomici che vengono applicati al ginocchio nel postoperatorio.
Questo nuovo e moderno apparecchio consente di diminuire il dolore, riducendo sia il sanguinamento sia la formazione di gonfiore post operatorio, migliorando il drenaggio linfatico e il flusso di sangue e, così facendo, favorendo la ripresa del paziente.
“Ringraziamo il presidente Bruno Bonatti e tutto il Calcit per questa donazione – ha detto Federico Cuccuini – I medici e il personale sanitario che operano in ortopedia al Serristori, già virtuosi nei tempi di degenza post operatoria effettuando da anni metodiche di fast-track, hanno ora a disposizione uno strumento in più per accellerare il recupero”.