Cresce San Giovanni e le liste collegate incontrano residenti e commercianti del centro storico

443

Si svolgerà il prossimo 15 febbraio alle ore 21:15 l’incontro sul centro storico rivolto ai residenti e agli esercenti commerciali e artigianali promosso da “Cresce San Giovanni” e dalle liste civiche collegate.
L’obiettivo è quello di confrontarsi con la cittadinanza su alcune delle questioni ritenute fondamentali dai movimenti civici, che già da diverso tempo sono oggetto di proposte per il rilancio del centro storico sangiovannese.
Varie le proposte che saranno prese in esame: da una nuova illuminazione ai cassonetti a scomparsa, dagli aiuti a fondo perduto per chi apre nuove attività, ad una riorganizzazione dei tanti luoghi storici di S. Giovanni quali Palazzo d’Arnolfo, la Casa natale di Masaccio, palazzo Corboli e Casa Giovanni da San Giovanni.
Oltre a questo, sarà proposta una revisione della ZTL del centro e del sistema dei parcheggi, come già richiesto in un consiglio comunale straordinario aperto al pubblico.
Su Borgo Arnolfo il pensiero di “Cresce San Giovanni” è chiaro: c’è l’auspicio che si faccia avanti qualche investitore che acquisisca l’intera area dell’ex ospedale Alberti, in modo da poter rivedere il progetto e tentare un rilancio e uno sviluppo concreto.
Oltre a questo sarà necessario affrontare la questione delle aree “Ferriera” che si affacciano su piazza Matteotti e che sono parzialmente inutilizzate da troppi anni. “Vogliamo preservare l’occupazione e rilanciare il sito industriale – ha spiegato Cresce San Giovanni – , ma dobbiamo porci al contempo anche il problema di riconvertire alcuni locali che potrebbero ridisegnare in parte il centro storico cittadino e attrarre nuovi investimenti”.
Infine, le proposte della lista civica per una nuova stagione di sviluppo in chiave artistica prevedono eventi di carattere nazionale e il lancio del cosiddetto “brand Masaccio” in modo da richiamare l’attenzione dei turisti.