Utilizzo di vaccini scaduti per gli animali. Denunciato veterinario valdarnese

2533

Utilizzo di vaccini scaduti. Questa l’accusa piovuta su un veterinario valdarnese, che è stato denunciato dai Carabinieri della Stazione di Levane. Una vicenda che ha avuto strascichi giudiziari, nata in seguito alla denuncia-querela di una coppia che aveva portato a vaccinare, presso lo studio del professionista, ventuno cuccioli di cane. Uno di loro era deceduto subito dopo il trattamento, mentre un altro si era sentito male, accusando forti attacchi epilettici e convulsioni. Una situazione che aveva notevolmente allarmato i proprietari degli animali, che hanno iniziato a porsi una serie di domande.
Scorrendo la caratteristica dei medicinali, la coppia si è quindi accorta che erano scaduti e il passo successivo è stato quello che ha poi portato all’avvio delle indagini. I due, infatti, si sono recati presso la caserma dei Carabinieri per presentare una denuncia-querela. I militari, a quel punto, hanno iniziato a muoversi nei confronti del professionista, approfondendo l’intera questione. Dopo alcuni accertamenti preliminari, i militari della stazione levanese, con l’apporto, importante, in fase esecutiva, dei colleghi del NAS di Firenze, hanno deciso di eseguire una perquisizione presso lo studio del professionista. Perquisizione che è stata poi estesa anche all’abitazione ed all’autovettura.
I controlli effettuati hanno consentito ai Carabinieri di rinvenire e di porre sotto sequestro una serie di prodotti sanitari. Nello specifico vaccini, fiale di insulina ed altri medicinali. In base agli accertamenti tutti erano scaduti di validità nel periodo 2016–2018. Il materiale, ovviamente, è stato sequestrato. Sequestrati anche due libretti canini, dove si evinceva la somministrazione dei prodotti sanitari scaduti. Il professionista è stato segnalato per commercio e somministrazione di medicinali guasti, truffa aggravata continuata, uccisione e maltrattamenti di animali.