La tragica morte di Fabrizio Caneschi, appassionato di equitazione. Il ricordo di Porta Aretina, la sua contrada

2669
Foto tratta dal profilo facebook di Porta Aretina

Ha destato profondo cordoglio anche a Figline la morte di Fabrizio Caneschi, 61 anni, residente a Le Ville di Terranuova Bracciolini, deceduto ieri all’ospedale fiorentino di Careggi in seguito a una caduta da cavallo avvenuta domenica mattina al termine del corteggio degli Uffizi di San Giovanni.
Da ieri il Palio di San Rocco figlinese, con le sue contrade è in lutto per questa tragica perdita, perché Fabrizio Caneschi era anche contradaiolo di Porta Aretina, e la compagine figlinese, sconvolta da questa improvvisa tragedia, lo ricorda con forte commozione.
Caneschi era il barbaresco e il palafreniere della contrada. Un ruolo importante che la Porta affida al fido “collaboratore” del Cavaliere, colui che gli porta la lancia durante il Palio di San Rocco.
I contradaioli, ancora increduli, in lacrime, hanno commentato: “Un destriero, la sua grande passione, disarcionandolo, ce lo ha portato via. Ciao Fabrizio, non ti dimenticheremo!”.