Il 24 marzo al Garibaldi di Figline lo spettacolo in omaggio a Fabrizio De Andrè

251

È passato poco tempo dal grande concerto di Oida Orchestra Instabile di Arezzo con Mogol: tutto esaurito e grande entusiasmo di tutti i presenti. Ma è già è in preparazione un altro importante evento dal titolo “A forza di essere vento, in viaggio con Fabrizio De André”, in programma al Teatro Garibaldi di Figline. Si tratta di uno spettacolo inedito dedicato al grande cantautore genovese e una iniziativa musicale imperdibile per gli appassionati. Sarà poi un modo per ricordarlo nel ventennale della sua scomparsa attraverso le sue opere. La Fondazione a lui intitolata ha patrocinato lo spettacolo, così come il Centro Studi “Fabrizio De André” presso l’Università di Siena che ha previsto anche un incontro preparatorio riservato agli studenti della sede di Arezzo.
“A forza di essere vento” è un “viaggio” nelle musiche e nei personaggi di De André ed ha come guida il quintetto “De André e la filosofia” (archi, tastiera, chitarra e voce) per la prima volta sul palco con una formazione orchestrale. Insieme ripercorreranno, con l’aiuto della voce narrante di Simone Zacchini, alcuni sentieri musicali e filosofici di Fabrizio de André, tra canzoni e riflessioni. Il concerto è diretto da Daniele Belloni, che ha arrangiato tutti i pezzi per l’orchestra, con la voce solista di Alessandro Ristori. In scaletta alcuni tra i suoi pezzi più famosi: “La guerra di Piero”, “La canzone di Marinella”, “Creuza de ma”, “Dolcenera” e molte altre. La voce di Melania Mattii darà un colore originale ad alcune pagine in programma.
Il concerto, patrocinato anche dal Comune di Figline e Incisa, sarà eseguito domenica 24 marzo alle 17,30 presso il Teatro Garibaldi.