Montevarchino dona 5000 libri al Comune

1156

Dona cinquemila volumi al comune. Lui è Marcello Bossini, 76 anni di Montevarchi, appassionato d’arte e di letteratura e nota guida turistica a Villa Masini, raro esempio di edificio “Liberty” nel territorio valdarnese scelta come location del film premio Oscar “La vita è bella” di Roberto Benigni.
La donazione rappresenta un vero e proprio tesoro culturale assemblato negli anni che da ora in poi sarà a disposizione della comunità.

E’ di questi giorni la notizia, infatti, che il Sig. Bossini ha comunicato al sindaco Silvia Chiassai l’intenzione di voler donare questa sua preziosa collezione al Comune per mero spirito di liberalità e senza alcun corrispettivo. Una biblioteca fornitissima consistente in una raccolta di più di 5000 libri dedicati alla storia dell’arte e dell’architettura toscana e italiana che va dalla metà del XIX a tutto il XX secolo.

La lettera che il cultore montevarchino ha inviato al Sindaco è stata accompagnata dalla comunicazione della Dott.ssa Lucia Fiaschi, esperta d’arte e Direttrice dell’Archivio e Museo Venturino Venturi di Loro Ciuffenna. Fiaschi, nella missiva, sottolinea l’importanza della donazione non soltanto per il suo alto valore culturale ma perchè da essa potranno originarsi nuovi e approfonditi studi sulle arti nella nostra regione.

La giunta montevarchina, con una delibera, ha subito deciso di accettare la donazione e quindi di acquisire a titolo gratuito il fondo librario, in considerazione del suo importante valore culturale e dell’arricchimento che ne consegue al patrimonio culturale complessivo dell’ente.
Inoltre ha già deliberato anche circa il luogo dove i cinquemila volumi saranno depositati e conservati. I locali individuati per ospitare il fondo Bossini sono quelli dell’Ufficio Consiglieri e dell’ attigua saletta di attesa, ubicati al primo piano ammezzato del Palazzo del Podestà in Piazza Varchi. Qui troveranno adeguata posizione grazie anche a appropriate norme di sicurezza e di fruibilità.

L’esecutivo montevarchino, accogliendo con soddisfazione, la richiesta di Marcello Bossini ha anche già dato mandato al dirigente del 3° settore, di svolgere gli atti necessari all’allestimento del locale affinchè possa ospitare nel migliore dei modi la preziosa collezione.