Ex Capannina di Montevarchi. Pubblicato il bando per la riqualificazione e la gestione

465

Il Comune di Montevarchi ha emesso un bando con evidenza pubblica per la riqualificazione dell’ex Capannina, nella zona dell’Arno. L’obiettivo è quello di ricercare operatori ai quali affidare la gestione dell’immobile mediante una concessione di venti anni.
A Palazzo Varchi hanno ricordato che Sindaco e Giunta hanno lavorato molto in questi anni per riappropriarsi della struttura, oggi in degrado. Dopo un contenzioso con il privato, costato alla casse comunali ben 127.899 euro e relativi interessi, la controversia è stata chiusa dall’attuale amministrazione che ha effettuato tutti i passaggi con gli enti preposti per avere le autorizzazioni al superamento di vari vincoli presenti nell’area.
L’ex colonia è considerata dall’amministrazione Chiassai Martini un luogo importante di interesse pubblico nel quale è necessario riattivare la gestione della struttura proponendo attività ricreative correlate.
“La Capannina e l’area del Parco fluviale rappresentano un pezzo di storia della città e della nostra gioventù – ha affermato il Sindaco Silvia Chiassai Martini – . Abbiamo raccolto molte sollecitazioni pervenute dai cittadini per un recupero definitivo dell’immobile. Ancora una volta, come è successo per l’Antistadio, abbiamo riacquisito un bene andato perduto pensando soprattutto ai giovani e al sano divertimento di una comunità. Questo è un altro obiettivo importante di riqualificazione urbana che ci siamo prefissati di raggiungere”.
Il bando prevede l’individuazione di operatori che, oltre alle attività di somministrazione di cibi e bevande, dovranno presentare un valido progetto di riqualificazione della struttura impegnandosi anche alla manutenzione dell’immobile stesso e dell’area naturale circostante. L’offerta, come detto, dovrà prevedere anche l’attivazione di progetti culturali e ricreativi, con l’organizzazione di eventi ed attività rivolte a bambini, famiglie e giovani. La Capannina, insomma, dovrà tornare ad essere uno dei punti di riferimento di Montevarchi.