Valentina Vadi verso le Primarie: “l’istruzione e la formazione sono una priorità del mio programma”

351

Domenica prossima San Giovanni andrà al voto per le Primarie dell’Alleanza Democratica e Progressista e la candidata Valentina Vadi prosegue i suoi incontri pubblici. Lunedì scorso è stata la volta degli insegnanti e degli operatori scolastici, che sono stati invitati presso il Comitato Elettorale per parlare del mondo della scuola e della formazione in genere, ma anche delle strutture.
“L’istruzione e la formazione sono una priorità del mio programma per l’amministrazione comunale, sia da un punto di vista strutturale che di proposta didattica ed educativa”, ha detto la Vadi, che ha poi parlato dell’impiantistica. “Gli edifici scolastici di proprietà comunale (scuole dell’infanzia, scuole elementari, scuole secondarie di primo grado) hanno necessità di essere rinnovati, efficientati, manutenuti e messi in sicurezza – ha precisato – e i bandi regionali sull’efficientamento energetico degli edifici pubblici possono costituire una risorsa importante per intervenire in questo ambito, come dimostra l’esperienza di altri comuni vicini”.
La Vadi ha poi affrontato i temi dell’educazione e gli aspetti didattici, ribadendo la necessità di arricchire la proposta formativa attraverso una sinergia tra la scuola e l’amministrazione comunale. “Ci vuole una progettazione anche «in verticale» – ha aggiunto – . Cioè tra Istituti Comprensivi e Polo scolastico Superiore. E il Comune dovrebbe fare da supporto per intercettare finanziamenti ministeriali”.
Per la candidata, un altro obiettivo importante (“senza dimenticare quanto gli Istituti di San Giovanni già fanno in termini di continuità tra nido e scuola della infanzia”), sarebbe riuscire a costituire, in uno dei due Istituti Comprensivi, il Polo di sperimentazione del sistema integrato di educazione e istruzione dalla nascita sino ai 6 anni ( 0-6), che è finanziato dal Ministero dell’Istruzione. “Sarebbe un’importante risposta educativa per San Giovanni – ha detto -, anche in termini di welfare per le famiglie e per le donne che lavorano”.
Altro argomento affrontato riguarda il rapporto tra gli istituti scolastici e i musei della città, che deve essere incentivato anche perché, come ha ricordato la Vadi, negli ultimi anni questa ‘frequentazione’ registra un calo. “Come pure c’è bisogno di rafforzare e valorizzare le due scuole superiori della città, i Licei Giovanni da San Giovanni e l’Isis Valdarno, che costituiscono il più numeroso Polo scolastico del Valdarno e rappresentano una risorsa. Grazie alla capacità propositiva dei dirigenti scolastici di questi due Istituti – ha ricordato la candidata dell’Alleanza – stanno nascendo realtà progettuali importanti per l’intera comunità, come il Giardino di Epicuro che sorgerà nei Licei Giovanni da San Giovanni e che sarà il primo esempio, in Valdarno e nella provincia di Arezzo, di Centro Civico, ossia luogo destinato non solo agli studenti per attività culturali e sociali, ma anche aperto alla città e alle associazioni del territorio cittadino. I lavori di sistemazione dell’area sulla quale nascerà il Giardino, sono iniziati da poco e sono finanziati, in parte, anche dalla Regione Toscana”.
Tutto ciò – ha concluso Valentina Vadi – nasce dall’esigenza di implementare le politiche a favore della crescita culturale ed educativa delle giovani generazioni, dalla necessità di ascoltare i giovani e le loro idee: per questo mi farò promotrice dell’istituzione di una Consulta giovanile insieme ad altre forme di partecipazioni alla vita istituzionale delle giovani generazioni, che consenta loro di mettere a frutto capacità e creatività”.