Le storie dimenticate degli atleti deportati. Al Liceo Varchi una mostra ricorda i “Campioni nella memoria”

200

Domani al Liceo “Benedetto Varchi” di Montevarchi verrà inaugurata una mostra dedicata ai “Campioni nella memoria”, cioè a tutti quegli atleti vittime dei campi di concentramento nazisti. L’esposizione mira a raccontare le loro storie per far conoscere il loro coraggio e sensibilizzare ulteriormente le menti dei ragazzi su un tema così delicato.
La mostra, in programma fino al 30 marzo, è stata organizzata dai “Veterani dello Sport di Montevarchi” e dall’Isis “Benedetto Varchi” e per la prima volta arriva in Valdarno. É nata nel 2013 a Scandicci e da allora è stata esposta in oltre 20 sedi in tutta Italia, arricchendosi ad ogni tappa.
Sono circa 50 gli atleti ai quali la rassegna rende omaggio, a ciascuno con un pannello dedicato che ne ripercorre la biografia, i risultati sportivi ottenuti sul campo, e la detenzione nei campi di sterminio dove, in molti casi, trovarono la morte. 
C’è Werner Seelenbinder, lottatore tedesco comunista che si rifiutò di stringere la mano a Hitler. C’è Birger Ruud, oro olimpico di salto con gli sci, imprigionato per essersi schierato contro i nazisti dopo l’invasione tedesca della Norvegia. E c’è Mario “Rino” Pagotto, calciatore del Bologna e della Nazionale italiana che conquistò la salvezza riuscendo a battere con una squadra di deportati italiani una selezione dei migliori calciatori dell’Armata Russa.
L’organizzazione della giornata inaugurale e l’allestimento dell’esposizione è a cura dei docenti Francesca Bani e Simone Buggiani e degli studenti del Liceo sportivo delle classi 2°A, 2°B, 3°A e 4°A. L’iniziativa ha il patrocinio del Coni e dell’Ussi – Gruppo toscano giornalisti sportivi. 
La giornata di inaugurazione si aprirà alle ore 9 con l’introduzione della professoressa Bani, e con i saluti del sindaco di Montevarchi, Silvia Chiassai Martini, Luca Panichi, presidente della sezione “Renato Pieraccioli” dell’”Unione Veterani dello Sport di Montevarchi”, e Chiara Casucci, dirigente scolastico dell’Isis Benedetto Varchi.
Il programma prevede poi l’intervento di Barbara Trevisan, docente dell’Istituto “Altiero Spinelli” di Scandicci e ideatrice della mostra, che parlerà di “Campioni nella memoria: origine della ricerca ed elaborazione della mostra”. Alle 9.45 il giovane storico montevarchino Andrea Mori illustrerà “Il contesto storico: gli atleti vittime della Shoah”. Alle 10, il delegato regionale per la Toscana dei “Veterani dello Sport”, Paolo Allegretti, presenterà il sito web dedicato e le prospettive di prosecuzione della ricerca. A seguire il professor Simone Buggiani introdurrà le visite guidate alla mostra che saranno curate dagli studenti dell’istituto. La conclusione dei lavori è prevista intorno alle 11. A moderare l’incontro sarà il giornalista Rai Giammarco Sicuro.