Consiglio comunale di San Giovanni sulle Autostrade. Pierazzi: “Il vero problema è lo snodo del Ponte Mocarini”

250

Giovedi scorso a San Giovanni Valdarno si è tenuto il consiglio comunale straordinario sulle opere compensative legate alla realizzazione della terza corsia autostradale tra Incisa e Valdarno. La discussione è stata molto accesa e tra gli interventi anche quello del Consigliere del Movimento 5 stelle, Tommaso Pierazzi.
L’esponente pentastellato ha sottolineato che il vero problema di traffico nel fondo valle si chiama “casello Valdarno”, ed è questa la priorità da risolvere. Il tratto Poggilupi/Ponte Mocarini è stato definito come un “tappo che si crea ogni giorno” nel quale migliaia di cittadini, “sei giorni su sette” si ritrovano uscendo o immettendosi in autostrada.
Pierazzi ha poi ricordato che della terza corsia se ne parla dal 2007. “Sia questa infrastruttura che la Bretella Coste-Casello – ha aggiunto – dovevano essere terminate per il 2017, come più volte annunciato da esponenti regionali due o tre mesi prima di ogni campagna elettorale, ma sono rimaste opere incompiute. I progetti  sono nel cassetto, ma la litigiosità tra i comuni del Valdarno e le loro promesse elettorali hanno avuto il solo risultato di fermare qualunque opera necessaria”.
Per il capogruppo del movimento è dunque fondamentale cercare di alleggerire il carico del Ponte Mocarini, attraverso la realizzazione di un’altra struttura, a patto che non si vada a posticipare ancora l’inizio dei lavori della terza corsia, poichè sarebbe “irresponsabile verso i cittadini che hanno chiesto di risolvere i problemi, non di arrecaglieli nuovi”.
“E comunque – ha proseguito – esistono aziende che non possono svilupparsi a causa della precarietà delle arterie di comunicazione nella zona di Poggilupi e Montevarchi. Fare politica di quartiere senza preoccuparsi dello sviluppo della vallata non è un buon segno per la politica locale”.
I 5 stelle hanno poi messo in risalto la mancanza di cantieri operativi nelle vicinanze di San Giovanni. Ciò, secondo i pentastellati, farà perdere una grossa possibilità economica per la città.
Il capogruppo del M5S si è concentrato, infine, sulla questione del Ponte Leonardo a Levane. “Non ha prodotto nessun miglioramento per la viabilità,- ha detto – pur costando tanti soldi ai contribuenti valdarnesi. Tra l’altro su questo aspetto è stata molto chiara Autostrade per l’Italia. I costi delle opere che non possono ritenersi di miglioramento alla viabilità di adduzione al casello saranno recuperati incrementando il pedaggio autostradale sulla tratta interessata”.