Controlli rafforzati al mercato di Montevarchi. Soddisfatta la Confesercenti

348

Nei giorni scorsi Palazzo Varchi ha annunciato maggiori controlli al mercato settimanale della città e Confesercenti si è detta soddisfatta del “giro di vite”, annunciando un primo risultato. ” Ieri, tra le bancarelle, c’è stato un calo degli spuntisti e puntuale è arrivato il plauso degli ambulanti in regola. Da tempo – ha precisato Sara Ballerini responsabile sviluppo dell’associazione di categoria in Valdarno – avevamo richiesto controlli all’amministrazione comunale. Erano stati proprio gli ambulanti del mercato di Montevarchi a sollecitarli relativamente alla regolarità contributiva, alla conformità dei mezzi di trasporto e al pagamento della Cosap, per evitare le disparità tra gli operatori con concessione di posteggio e quelli che si presentano alla spunta”.
Per la Confesercenti la preoccupazione degli ambulanti era quella di trovarsi di fronte a una concorrenza sleale. “A quanto pare – ha continuato la Ballerini – il primo giorno di controlli annunciati ha confermato la loro sensazione. Ieri la riduzione degli spuntisti, che non si sono neanche presentati alla spunta, ha portato a un primo risultato”.
Insomma, c’è soddisfazione tra gli operatori e adesso l’auspicio dell’associazione è che i controlli vengano estesi anche ad altri mercati, prendendo da esempio quanto fatto dal comune di Montevarchi. “E’ necessario che i controlli siano puntuali e non sporadici – ha aggiunto la Confesercenti – . Bene quindi l’iniziativa di Montevarchi, ma è necessario che vengano intensificati anche in tutti gli altri comuni della vallata, così da avere una uniformità”. Per l’associazione di categoria è infatti importante riqualificare i mercati eliminando la concorrenza sleale di tutti quegli operatori che non sottostanno alle regole comuni del settore, in un momento in cui il commercio su aree pubbliche sta vivendo una contrazione importante dei consumi. “E in tema di concorrenza sleale – ha concluso la Ballerini – gli ambulanti chiedono controlli anche sull’esposizione dei cartelli: merce usata”.