Montevarchi: crowdfunding per “Giocolando”, il nuovo parco giochi inclusivo in piazza della Repubblica

700

Crowdfunding per “Giocolando”, il nuovo parco giochi inclusivo che sorgerà in piazza della Repubblica a Montevarchi. Il progetto, lanciato dall’associazione La Crisalide, costituita da famiglie con figli diversamente abili per sensibilizzare le istituzioni pubbliche e la popolazione sulle problematiche della disabilità nell’infanzia e promuovere l’integrazione, coinvolge il Comune e le sezioni soci Coop di Montevarchi, San Giovanni e del Valdarno fiorentino.
Già attiva all’indirizzo www.eppela.com/it/projects/23089-giocolando la raccolta fondi e l’obiettivo è raggiungere entro il 3 maggio il traguardo minimo di 10 mila euro che saranno raddoppiati dalla Fondazione Il Cuore si scioglie onlus.
Grazie ai contributi verranno installate un’altalena con cestone, una giostra e una casetta interattiva accessibili, attrezzatura ginnica e una bacheca in legno.
“Nel territorio montevarchino non esistevano giochi inclusivi – spiega Stefano Sesti, presidente della Crisalide – e i fondi raccolti contribuiranno a completare il parco giochi esistente. Si tratta di arredi di nuova generazione che garantiranno il diritto universalmente riconosciuto a tutti i bambini di poter giocare, favorendo la socializzazione tra disabili e normodotati e tra gli adulti. Conoscere, interagire, vivere insieme in un contesto di gioco può solo fare bene sia a livello personale sia globale di cittadinanza”.
“E’ una grande opportunità per la nostra città – ha ricordato l’assessore alle Politiche Sociali Stefano Tassi – usufruire di un’associazione come La Crisalide che ci ha proposto questo interessante percorso. L’amministrazione cercherà di coinvolgere il maggior numero di persone per realizzare in breve tempo il progetto”.
“Le sezioni coinvolte nell’iniziativa – hanno concluso Vincenzo Dainelli, presidente Soci Coop Montevarchi, e Claudia Ribes, coordinatrice delle sezioni soci Unicoop Firenze – si attiveranno promuovendo una serie di iniziative per arrivare alla cifra prefissata che sarà poi raddoppiata dalla Fondazione. Il 4 maggio termineremo con una cena all’aperto in piazza della Repubblica e già da ora l’invito è alla massima adesione”.