Incisa. Tre bulgari denunciati per “porto di coltello” e “possesso di carte di pagamento contraffatte”

293

Ieri sera i Carabinieri della Compagnia di Figline Valdarno hanno denunciato in stato di libertà tre bulgari di 36 e 43 anni trovati in possesso di un coltello a serramanico, senza giustificato motivo, e di due carte di pagamento emesse da istituti di credito bulgari e palesemente contraffatte.
Il tutto è partito da un controllo di routine eseguito dalla pattuglia dell’Aliquota Radiomobile nei pressi del bancomat dell’ufficio postale di piazza Mazzanti ad Incisa. Due di loro si trovavano in macchina e un altro nei pressi della cash machine.
Alla richiesta di spiegazioni da parte dei militari, i bulgari hanno risposto con informazioni evasive e contrastanti. E’ scattato quindi un controllo più approfondito da cui sono venuti fuori: un coltello a serramanico, nascosto nel bracciolo dell’auto, e dotato di una lama da 5 cm e 2 carte di debito bulgare, intestate a terze persone e palesemente contraffatte per tipo di materiale e struttura.
I tre dovranno rispondere di porto di armi od oggetti atti ad offendere; indebito utilizzo e falsificazione di carte di credito e di pagamento in concorso. E’ quindi scattata la denuncia.