Montevarchi: si inaugura la sede di Fiamma Tricolore e Forza Nuova tra polemiche e presidi antifascisti

1862
Roberto Fiore (Foto tratta da il Quaderno.it)

Montevarchi ospiterà la prima sede in provincia di “Italia agli italiani”, il cartello elettorale formato da Forza Nuova e Fiamma Tricolore. L’inaugurazione è prevista per domenica prossima alle 16.30 nei locali di via Isidoro Del Lungo e per tagliare il nastro arriverà il segretario nazionale e fondatore di Forza Nuova Roberto Fiore, ora in lizza per le Europee.
“E’ una novità assoluta per il territorio aretino – spiega il segretario provinciale della Fiamma Matteo Martini – e una mia scommessa personale. Al momento il nucleo dei promotori è formato da una decina di persone e stiamo già impostando una serie di attività e iniziative. D’ora in poi contiamo di far diventare i locali un luogo di ritrovo per chi si riconosca nei nostri valori fondanti. Ci formalizziamo adesso e siamo in fase embrionale – prosegue – ma l’auspicio è di formare un gruppo capace di promuovere iniziative concrete. Ad esempio la distribuzione di viveri ai nostri connazionali in stato di bisogno sulla scorta di quanto sta già facendo in diversi centri CasaPound. E ancora vorremmo essere propositivi per organizzare manifestazioni politiche nel comprensorio”.
L’apertura in una terra che ha pagato un tributo di sangue altissimo alla lotta per la Liberazione non è passata inosservata e già per questa sera alle 22 l’Anpi ha promosso un presidio antifascista in piazza della Repubblica a Montevarchi.
In una nota congiunta inoltre il coordinamento provinciale e valdarnese del Pd invitano tutte le espressioni politiche, sociali e sindacali ad “individuare una strategia condivisa che contrasti la diffusione di Forza Nuova in Valdarno”
“Il fascismo tenta di mettere radici in Valdarno. Domenica inaugurazione della sede di Forza Nuova a Montevarchi. Presente il segretario nazionale Roberto Fiore. Guai a sottovalutare questo fatto – scrivono – che rappresenta un segnale inquietante e pericoloso nella storia antifascista e democratica del Valdarno. Forza Nuova non testimonia un passato nostalgico da guardare con sufficienza ma è un reale e contemporaneo pericolo che punta a strumentalizzare le paure, le ansie, le intolleranze che la crisi economica e sociale sta moltiplicando. Rappresenta una visione della società caratterizzata da odio, intolleranza, razzismo e pregiudizi”.
“Chiediamo che il Comune di Montevarchi, nelle sue espressioni democratiche, si pronunci sulla presenza di Forza Nuova in questo territorio. A cominciare dalla Sindaca Silvia Chiassai e alle istituzioni competenti una valutazione attenta di come l’azione, attuale e futura, di Forza Nuova in Valdarno possa violare le leggi del nostro paese. Ad iniziare dall’apologia del fascismo”, è la conclusione.