Manfredo Giovi, proseguono le ricerche a Mercatale. Falsa pista l’avvistamento di domenica 2 giugno

762

Un’altalena di speranze e disillusioni nella vicenda della scomparsa di Manfredo Giovi, l’ottantaseienne di Mercatale Valdarno che non ha dato più notizie di sé ormai da 9 giorni.
Si è rivelato uno scambio di persona l’avvistamento che un paio di giorni fa aveva lasciato presagire una svolta positiva alle ricerche che fin dal 1° giugno hanno coinvolto un intero paese e una task force coordinata dai Vigili del Fuoco e dai Carabinieri. Un ciclista giovedì scorso si era rivolto ai pompieri sostenendo di aver notato l’anziano all’indomani della sparizione in un sentiero nelle vicinanze della frazione montevarchina di Rendola e di aver ritardato la segnalazione perchè aveva visto la foto dello scomparso, diffusa su social e media dai familiari fin dai primi momenti, solo alle soglie del fine settimana. Per questo i soccorritori si erano spostati a perlustrare la zona indicata. In realtà ieri le verifiche dei militari hanno appurato che si trattava di un’altra persona particolarmente somigliante a Giovi.
Tutto da rifare quindi per forze dell’ordine, Vigili del Fuoco, presenti anche con unità cinofile, volontari delle associazioni di protezione civile e persino alcune squadre di cacciatori al cinghiale che si sono aggiunte alle battute.
Si è tornati al punto di partenza a setacciare le zone vicine all’abitato di Mercatale e le aree boschive lungo la strada che porta a Nusenna, il tragitto che l’uomo percorreva quasi sempre nella sua passeggiata quotidiana. Peraltro l’ultimo avvistamento ritenuto attendibile era avvenuto da quelle parti nel tardo pomeriggio di sabato.
Oggi si terrà una nuova riunione del tavolo tecnico allestito in Prefettura ad Arezzo e saranno decisi gli ulteriori passi da compiere per tentare di rintracciare Manfredo, ex barista e tabaccaio del paese conosciuto e stimato da tutti.