Castelfranco Piandiscò. Ieri sera l’insediamento del Consiglio Comunale tra le polemiche

372

Parte tra le polemiche la nuova giunta Cacioli a Castelfranco Piandiscò, che ieri sera è stata presentata in consiglio comunale. A sferrare un attacco al riconfermato sindaco, nel pomeriggio, era stato il Pd di Castelfranco, che aveva definito “miopi” le scelte del primo cittadino per la squadra di governo.
Ma cos’era successo? Il Circolo aveva proposto il nome di un eletto all’ombra della Torre Campana e Cacioli ha preferito una persona esterna, disattendendo, chiariscono i Dem del borgo arnolfiano, le intese della vigilia delle amministrative. E il risultato è arrivato in serata con i due consiglieri di Castello che si sono astenuti al momento delle nomine dell’esecutivo. Il sindaco, però, non ha parlato di strappo ma di opinioni legittime in una realtà composita dove “si discute, si litiga, ma alla fine ci si intende. “Comporre la Giunta è stato laborioso – ha affermato – ma sono contento perchè rappresenta la comunità, con i partiti, i movimenti e la società civile che la compongono”. Quanto alle critiche del Pd ha riconosciuto “una leggera insoddisfazione”, ma ha rivendicato di aver deciso sulla base di competenze precise e necessità dell’amministrazione.
E mentre l’opposizione della Lista Civica polemizzava parlando di falsa partenza, lunedì il “caso Castelfranco Piandiscò” sarà al centro di una riunione collegiale del Pd dell’altopiano in campo neutro, a Faella. Saranno presenti i “big” della segreteria provinciale. Ed eccola infine la Giunta: Angela Fortunato, vice sindaco e assessore alla pubblica istruzione e alla cultura, Filippo Casini, con delega alle politiche sociali e sanitarie e alla sicurezza, Caterina Galli, nuovo assessore all’urbanistica, all’edilizia e al turismo e Niccolò Innocenti, che si occuperà di bilancio.