Divise da lavoro. La precisazione di Unicoop Firenze: “Nessuna costrizione. Gli armadietti possono essere utilizzati”

2295

Dopo l’esposto alla Asl presentato da una trentina di lavoratori del Centro Coop di Montevarchi, secondo cui non sarebbe più obbligatorio effettuare l’attività di vestizione e svestizione all’interno del negozio, ma anche fuori, e con modalità discrezionali del dipendente, è arrivata la precisazione di Unicoop Firenze. Precisazione giunta alla luce anche dell’intervento del sindaco di Montevarchi Silvia Chiassai Martini, che ha chiesto delucidazioni all’Azienda Sanitaria.
“Unicoop Firenze – si legge nella nota – precisa che ogni lavoratore ha la piena facoltà di utilizzare gli appositi armadietti collocati negli spogliatoi all’interno del supermercato, senza alcuna “costrizione” volta a impedire l’uso degli stessi. E’ invece evidente l’intento di agevolare le operazioni di vestizione, che possono essere effettuate anche al di fuori del luogo di lavoro, ma ciò senza rinunciare alla massima igiene, nel rispetto delle normative: infatti il personale, prima di accedere al reparto, deve indossare appositi indumenti per evitare il contatto diretto con gli alimenti. Questo – ha aggiunto Unicoop – per offrire il più elevato grado di tutela e di salvaguardia dell’igiene pubblica, nell’esclusivo interesse dei soci e dei consumatori”.
Inoltre, nell’ambito dell’aggiornamento delle procedure igienico-sanitarie, la scelta fatta da Unicoop Firenze è quella di consolidare ulteriormente le buone pratiche di lavorazione, per garantire una maggiore igienicità, agendo attraverso la formazione e l’addestramento continuo del personale, e rafforzando in particolare i concetti legati alla prevenzione”.