Fimer. Il CEO Carzaniga parla a Valdarno 24: “Massima continuità del business e dei livelli occupazionali”

347

La nostra intenzione è quella di garantire massima continuità del business e dei livelli occupazionali del sito. Il nostro piano si concentrerà sulla creazione di ulteriore valore per lo stabilimento”. Lo ha detto alla nostra redazione Filippo Carzaniga, CEO della Fimer, l’azienda di Vimercate che ha recentemente acquisito da ABB l’attività degli inverter solari. La multinazionale svizzera ha una unità produttiva anche a Terranuova Bracciolini e la cessione di uno dei rami di produzione ha provocato la reazione dei sindacati, che temono per il futuro della forza lavoro. Carzaniga ha voluto fugare questi timori, ricordando anche la natura del sito valdarnese.
“Lo stabilimento di Terranova rispetto all’insediamento di Vimercate è strutturato per la produzione di linee di prodotto completamente differenti – ha detto – . È quindi impensabile, al momento, una qualsiasi forma di accorpamento delle unità produttive. Tengo particolarmente a sottolineare che la scelta di Abb verso Fimer è stata fatta proprio per la natura industriale del nostro gruppo, al fine di valorizzare al massimo gli sforzi fatti fino ad ora e dare massima continuità”. L’amministratore delegato ha poi parlato dei futuri incontri con le istituzioni. “Siamo a conoscenza che il 26 luglio ci sarà un tavolo tecnico dove saranno presenti nostri rappresentanti al fine di spiegare con maggiore dettaglio l’operazione dal nostro punto di vista – ha detto -. Il nostro management è ovviamente disponibile, a valle del primo incontro previsto per la fine del mese, ad incontrare le istituzioni per dare ulteriore visibilità sulla natura e le prospettive dell’operazione”.
Ma quali prospettive a medio e lungo termine ci saranno per lo stabilimento di Terranuova Bracciolini? “Personalmente – ha risposto il dottor Carzaniga – vedo prospettive eccezionali. Come abbiamo già dichiarato in altre occasioni stiamo parlando di un mercato, quello del solare, in crescita a livello globale. Avremo a disposizione un portafoglio prodotti estremamente innovativo e a questo integreremo tutte le caratteristiche di velocità, focalizzazione sul business e flessibilità nell’approccio commerciale tipiche di Fimer. Sono caratteristiche queste fondamentali in un mercato particolare come il solare e sono le ragioni principali per cui Abb e FImer hanno ravvisato grande potenziale nell’operazione”. Il CEO del gruppo lombardo ha poi precisato quando sarà conclusa l’operazione ci compravendita, ricordando che la struttura del business all’interno di Abb è piuttosto articolata, essendo presente in 27 Paesi. “Ci sono quindi dei passaggi tecnici da completare – ha detto – . Quello che posso garantire è che è nostra ferma intenzione arrivare al closing il prima possibile e come Fimer faremo di tutto affinché questo possa avvenire per poter iniziare a gestire l’operatività nel più breve tempo possibile”.