Telecamere negli asili a Bucine. Il Sindaco: “Dalla destra solo strumentalizzazioni. Apriremo un percorso di confronto”

1517

A Bucine è scoppiata la polemica dopo che il consiglio comunale ha respinto una mozione del centro destra che chiedeva di accedere ai fondi statali per installare un sistema di videosorveglianza negli asili e nelle strutture di assistenza per anziani. L’attacco alla giunta Benini e alla maggioranza da parte dell’opposizione è stato diretto e nelle ultime ore è arrivata la replica dello stesso primo cittadino, che ha parlato di pura strumentalizzazione.
“Sulla mozione, al contrario di quanto affermato dalla opposizione, si è ampiamente dibattuto e la maggioranza aveva proposto di rimandarne la votazione per avere modo di confrontarsi con le istituzioni scolastiche e gli altri soggetti interessati dal provvedimento – ha spiegato Nicola Benini – . Non si può pensare di decidere autonomamente su un provvedimento che incide pesantemente sulla attività di categorie importanti quali quella degli insegnanti e quella degli operatori socio-sanitari che meritano tutto il nostro rispetto. Come non si può far finta di non sapere che esistono leggi sulla privacy e sulla tutela nei posti di lavoro che prevedono iter partecipati da parte di tutti i soggetti interessati dal provvedimento. Ma la destra – ha proseguito il sindaco – ha comunque richiesto di votare il provvedimento proprio per scatenare una polemica mediatica nella quale non ho nessuna intenzione di farmi trascinare. Il nostro non è stato un no preconcetto, ma una astensione ben ragionata e motivata. Sarà nostra cura confrontarsi con le istituzioni scolastiche e socio-sanitarie ed insieme decidere qual è la cosa migliore per i nostri bambini e per i nostri anziani”.
Il primo cittadino di Bucine ha ricordato che gli interessi dei bambini si difendono non da dietro una tastiera, ma partecipando alla vita istituzionale scolastica, come ogni genitore può fare. “Io stesso – ha concluso – sono stato presidente del Consiglio di Istituto a Bucine e membro del Consiglio di Istituto del Liceo di Montevarchi e vi posso assicurare che ci sono tutti gli strumenti per intervenire a tutela dei minori”.