Questione 118 a Figline Incisa, la sindaca Mugnai : “la presenza dell’infermiere è una soluzione temporanea e valida solo per agosto “

1237

“E’ una soluzione temporanea e valida solo per il mese di agosto. Sappiamo che è una soluzione tampone ma, rispetto alla mancanza totale di copertura del servizio medico, riteniamo che avere un infermiere sia un presidio di garanzia per i cittadini”: in questo modo la sindaca di Figline Incisa Giulia Mugnai risponde al consigliere della lega Giorgia Arcamone sulla questione dei medici del 118 e della presenza di un infermiere h12 sull’ambulanza a Incisa, in sostituzione del medico.
“L’abbiamo proposta- continua Giulia Mugnai – come Amministrazione insieme alle associazione del 118 (che sono Arciconfraternita di Misericordia di Figline, Croce Azzurra di Figline e Croce Rossa di Incisa), all’assessore Saccardi e al direttore Morello in un incontro che si è tenuto a fine luglio in municipio a Figline, per evitare l’assenza di copertura sanitaria sul territorio e per garantire, invece, una pronta risposta alla cittadinanza.Si tratta, quindi, di una richiesta che abbiamo fatto – nonostante il Comune non abbia la competenza di intervenire direttamente in questioni contrattuali che riguardano la Regione, la Ausl Toscana Centro e i suoi dipendenti – ben prima che si verificasse l’emergenza, proprio in ottica preventiva-conclude Mugnai-.Dal mese di settembre, abbiamo richiesto e ottenuto che si torni a regime e che sia ripristinata la presenza del medico h12 su Incisa e h24 su Figline.”