Montevarchi: successo per “Varchi Wine”, la due giorni dedicata al vino della provincia di Arezzo

119

In alto i calici per Varchi Wine, che ha chiuso i battenti a Montevarchi con un bilancio lusinghiero di presenze e di consensi. La due giorni che ha visto idealmente Bacco salire le scale dei luoghi e palazzi storici della città, da quello del Podestà al Chiostro di Cennano, allo statuario del Museo del Cassero, ha visto oltre 48 cantine presenti con 116 etichette di vino e 25 tra vinsanti, passiti e vini speciali, tutti prodotti in provincia di Arezzo.
Una conferma per l’amministrazione comunale che ha voluto l’evento e un incentivo a riproporre la formula frutto della collaborazione con l’ Associazione Strada del Vino Terre di Arezzo, Ais Delegazione aretina, Associazione Cuochi del Valdarno Superiore, Slow Food Colli Superiori del Valdarno, Aicoo e Anag, oltre al Centro Commerciale Naturale che ha premiato la Farmacia Bartolini per la vetrina più bella in chiave enologica.
Soddisfatta la sindaca Silvia Chiassai Martini che ha ringraziato i promotori per avere portato in città le eccellenze tra vino, olio, distillati e cucina in un mix vincente tra enogastronomia e cultura. L’auspicio, ha detto, “è che sia solo l’inizio di una lunga serie di appuntamenti da istituire ogni anno a Montevarchi per apprezzare direttamente realtà vinicole, e non solo, che diffondono in tutto il mondo il prestigio della nostra provincia e del nostro Paese”.
A ricordare i “numeri” del settore in provincia è stato il segretario generale della Camera di Commercio Giuseppe Salvini: “Sono 6200 gli ettari coltivati a vigneto, 200.000 ettolitri prodotti nell’ultima vendemmia, per un valore di circa 90 milioni di euro di export. Un fenomeno economico straordinario – ha affermato – per una produzione di grande qualità, testimoniata proprio dai mercati di riferimento più importanti, Stati Uniti e Francia, patria dei grandi cru. Abbiamo intrapreso in questi anni con l’Associazione Strada del Vino e la Provincia un percorso importante di valorizzazione nelle più rilevanti fiere del mondo”. Salvini ha ringraziato il Comune per aver proposto Varchi Wine, “in quanto il vino è uno strumento di marketing per turismo, territorio e anche per il centro storico”
“L’importanza di questa manifestazione – ha cocluso il Presidente della Strada del Vino Terra di Arezzo Saverio Luzzi – è stata la possibilità di degustare vini che provengono da tutto il territorio provinciale, comprese quelle vallate, come il Casentino e Valtiberina dove, fino a poco tempo fa, la produzione era scarsa. Con Varchi Wine Montevarchi può rappresentare un punto di riferimento per la promozione del vino aretino considerando la localizzazione strategica tra Arezzo, Firenze, Siena e l’alta qualità di quello prodotto in questa terra”.