Bekaert, la maggioranza a Figline Incisa annuncia una mozione per richiedere il prolungamento della Cassa Integrazione

119

La maggioranza in Consiglio comunale a Figline Incisa interviene sulla vicenda Bekaert. Il capogruppo di “Partito Democratico – Sì per Figline e Incisa” Laura Orpelli e Il capogruppo di “Per Figline e Incisa in Comune” Umberto Ciucchi in una nota esprimono il loro interessamento anche in vista dell’incontro presso il Mise del 24 ottobre prossimo.
“Mancano poco più di 80 giorni al termine della cassa integrazione per i lavoratori della Bekeart e quello che sta iniziando è senza dubbio il momento più difficile per tutti i lavoratori. La preoccupazione per il loro futuro e quello dello stabilimento cresce anche in tutta la popolazione del Valdarno. Adesso si ha il dovere di riportare la vertenza tra quelle nazionali e ad alta visibilità, per il peso e per il valore che ha per un territorio come il nostro”. Orpelli e Ciucchi annunciano una mozione in consiglio: “Sappiamo che il 24 Ottobre ci sarà un nuovo incontro al Mise e crediamo fermamente che ci sia la necessità di accompagnare i lavoratori e le sigle sindacali al tavolo con tutta la rappresentanza della comunità. È necessario riaccendere i riflettori sulla vicenda e garantire una risposta per loro e per tutto il nostro territorio e la nostra comunità. Per questo abbiamo già protocollato una mozione condivisa con tutte le forze sindacali per il prossimo consiglio comunale chiedendo con forza che venga prorogata la cassa integrazione, anche attraverso Invitalia, e sia trovata una soluzione per la reindustrializzazione del sito produttivo. Con il prolungamento della cassa integrazione infatti, non solo si aiuterebbero i lavoratori che si troverebbero altresì senza più alcun sostegno, ma ci sarebbe più tempo per verificare e vagliare le segnalazioni di interesse pervenute a Sernet e al tavolo istituzionale stesso. Insieme all’amministrazione comunale tutti i consiglieri di maggioranza- terminano Orpelli e Ciucchi- saranno sempre presenti e vicini a tutte le iniziative che i lavoratori intendano perseguire”.