San Giovanni. Nuova passerella ciclopedonale sull’Arno. E’ una delle opere legate alla terza corsia autostradale

164

Una nuova passerella ciclopedonale sull’Arno che si collegherà con il quartiere sangiovannese dell’Oltrarno. Il via libera è arrivato i primi di ottobre direttamente dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, che ha comunicato alla Regione Toscana ed al Comune di San Giovanni Valdarno di avere accolto la richiesta avanzata dai due enti di realizzare una passerella ciclopedonale di attraversamento del fiume Arno come opera connessa e funzionale all’ ampliamento della terza corsia autostradale nel tratto tra Incisa Reggello e Valdarno, i cui lavori dovrebbero partire nel 2021. La notizia è stata annunciata questa mattina nel corso di una conferenza stampa a cui hanno preso parte, tra gli altri, il sindaco Vadi e l’assessore Ceccarelli.
Nel maggio scorso si è conclusa la Conferenza dei Servizi per stabilire quali dovessero essere le opere compensative per i comuni interessati alla maxi opera, tra cui San Giovanni. Palazzo d’Arnolfo aveva individuato due possibili soluzioni: la costruzione di un by pass stradale fra via della Resistenza e via delle Caselle, o, in alternativa, la realizzazione di una passerella ciclopedonale di attraversamento del fiume Arno.  In estate, poi, sempre a Roma, al Ministero delle Infrastrutture, si sono svolte altre due riunioni, alla presenza della Regione Toscana, del Comune di San Giovanni Valdarno e della Società Autostrade per l’Italia, per verificare la fattibilità tecnica ed economica delle due diverse alternative.
L’assessore Ceccarelli, appoggiato dai funzionari regionali, ha spinto per far si che anche in questo caso venissero adottate soluzioni tecniche analoghe a quelle realizzate in altre parti della Toscana e c’è stata quindi una convergenza sulla proposta di realizzare la passerella adiacente al ponte Ipazia. Il prossimo step sarà la stipula di una convenzione tra le parti  interessate  per stabilire i passaggi fondamentali per la realizzazione della passerella ciclopedonale. Una convenzione che dovrà anche regolare i  rapporti tra gli enti.

Le interviste rilasciate questa mattina