Montevarchi: nuovi piani strutturale e operativo. Via al procedimento

389

Pubblicato all’albo pretorio del Comune di Montevarchi l’avvio del procedimento per i nuovi piani strutturale e operativo, strumenti di governo del territorio che dovranno essere stilati tenendo conto del nuovo quadro normativo di riferimento: la legge regionale 65/2014 “Norme per il Governo del territorio” e il piano di indirizzo territoriale, con valenza di piano paesaggistico, entrato in vigore nel 2015.
“Per questo motivo – spiegano da Palazzo Varchi – entra nel vivo il percorso verso una nuova pianificazione territoriale di Montevarchi con i seguenti obiettivi, già indicati dalla legge: la definizione dettagliata dei confini del territorio urbanizzato, condizione imprescindibile per stabilire l’ambito entro il quale è consentita l’edificazione residenziale, costituito dai centri storici, aree edificate con continuità dei lotti a destinazione residenziale, industriale e artigianale, commerciale direzionale, di servizio, turistico-recettiva, le attrezzature e i servizi, i parchi urbani, gli impianti tecnologici, i lotti e gli spazi in edificati dotati di opere di urbanizzazione primaria; la tutela e la valorizzazione del paesaggio della Toscana, al fine di perseguire uno sviluppo sostenibile e la promozione della peculiarità dell’identità sociale e ambientale del territorio”.
In contemporanea con la fase tecnica partirà quella di incontro e confronto tra l’amministrazione comunale, i cittadini, gli enti e i vari soggetti coinvolti dal tema della pianificazione territoriale e urbanistica.
“A breve si aprirà il periodo di concertazione con le associazioni di categoria, gli ordini professionali e gli abitanti, con l’obiettivo primario dell’amministrazione Chiassai Martini di favorire la semplificazione, di ampliare le possibilità di intervento sul patrimonio edilizio esistente e di ridurre l’impegno di suolo”.
Il responsabile del procedimento, nominato dalla Giunta, è Ugo Fabbri, mentre garante dell’informazione e della partecipazione è Paola Manetti.