Forza Italia analizza i dati Ispra: “A San Giovanni il 35% dei residenti è a rischio idraulico. Il 20% a Montevarchi”

376

Dopo il maltempo che in queste ore si è abbattuto sulla Toscana e sul Valdarno è intervenuto il Capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale Maurizio Marchetti che ha ricordato come il 12,4% della popolazione residente a Arezzo e provincia, per un totale di 42.476 persone, sia esposto a rischio alluvione medio, trovandosi in aree a pericolosità idraulica.
I dati sono emersi dal rapporto Ispra 2018 Dissesto idrogeologico in Italia: pericolosità e indicatori di rischio. Tra i numeri citati da Marchetti, anche quelli che riguardano i due centri più popolosi del Valdarno, Montevarchi e San Giovanni. ” Nella città di Masaccio i residenti a rischio idraulico medio rappresentano il 35,5% della popolazione – ha detto Marchetti -. A Montevarchi siamo al 20%. Ad Arezzo al 16,2%”.
L’esponente azzurro si è chiesto se, a dati noti, corrispondano adeguati interventi di prevenzione e messa in sicurezza. “O il governo del territorio in mano alla Regione – ha aggiunto – procede nella rincorsa dell’emergenza in una Toscana che è seconda in Italia per rischio idraulico, dietro solo all’Emilia Romagna? Contare i danni, lo stato delle evacuazioni, attendere le ondate di piena con trepidazione nelle sale della protezione civile dove si monitora e si fronteggia l’emergenza è da batticuore. Ma questi sono il ‘durante’ e il ‘dopo’. C’è tutto un ‘prima’ su cui la politica ha il dovere di intervenire”.
Insomma, secondo Marchetti la Regione deve attivare gli uffici del Genio civile per le valutazioni del caso, programmare e, ove le pianificazioni già esistono, arrivare alla fase esecutiva degli interventi.