A Firenze convegno sul turismo organizzato da Human Company. Si è parlato anche del Parco dello Sport di Cavriglia

427

Ieri pomeriggio, alla Palazzina Reale di Firenze, si è tenuto un convegno sul turismo organizzato dalla Human Company, la società che, tra le altre cose, realizzerà il futuro Parco dello Sport di Cavriglia. Erano presenti anche rappresentanti dell’amministrazione comunale, con in testa il sindaco Leonardo Degl’Innocenti o Sanni, che è intervenuto come relatore.
“Il Parco dello Sport – ha detto – cambierà in meglio sotto ogni punto di vista la vita della nostra comunità e lo faremo grazie ad un percorso virtuoso che si è innescato ormai da molti anni e che riguarda il futuro dei territori delle ex discariche minerarie. Con Human Company daremo una svolta sostenibile alla nostra vita”.
Il meeting, moderato dal direttore responsabile del Magazine Rcs Dove Simona Tedesco, ha visto la presenza di importanti istituti di ricerca e il contributo di istituzioni e investitori. C’erano rappresentanti di Booking.com, Google ed Expedia, del settore Studi e ricerche di Intesa San Paolo e Cristina Giachi, vicesindaco di Firenze.
E’ stato ricordato come il binomio tra sostenibilità e innovazione sia oggi imprescindibile per migliorare la qualità della vita delle persone. Il turismo di nuova concezione è sempre più rispettoso dell’ambiente, ritagliato sulle necessità di un viaggiatore che ricerca le specificità del territorio che visita. Il turismo outdoor è quindi sempre più sostenibile e rivolto verso strutture attente al risparmio energetico e in simbiosi con l’ambiente circostante.
Il sindaco di Cavriglia, nel suo intervento, ha quindi ripercorso tutta la storia recente legata all’ecosostenibilità. “Cavriglia, che negli ultimi due decenni si è profondamente trasformata – ha spiegato Degli Innocenti o Sanni -, è stata per lungo tempo un comune prettamente industriale. Oggi il settore primario resta il core business della nostra comunità, ma nello stesso tempo anche il turismo, che negli anni è cresciuto moltissimo, ha acquisito un’importanza determinante per lo sviluppo futuro. La costruzione dell’impianto fotovoltaico pubblico più grande d’Italia – ha aggiunto il sindaco – ha innescato poi una serie di processi virtuosi cambiando il DNA ecosostenibile del comune. Da allora abbiamo efficientato con pannelli fotovoltaici tutti gli edifici scolastici del territorio, abbiamo collocato cinque fontanelli per la diffusione dell’acqua, abbiamo aderito alla campagna plastic-free, stiamo installando in ogni paese colonnine per le ricariche elettriche delle auto, stiamo alacremente ultimando molte piste ciclabili che presto legheranno il fondovalle valdarnese al Chianti”.
Sanni ha poi ricordato l’implementazione del circuito ciclistico illuminato tutta la notte e il campo da golf che presto passerà da tre a nove buche. “Credo che la prossima realizzazione da parte di Human Company del parco dello sport – ha continuato – cambierà ulteriormente il nostro volto, aprendo Cavriglia al turismo sostenibile a 360 gradi. Abbiamo ancora molte sfide da affrontare e vogliamo farlo con questo gruppo straordinario, perché in loro abbiamo trovato un interlocutore credibile e sensibile rispetto all’innovazione e al rispetto ambientale. Credo che con questo progetto possiamo davvero aumentare le opportunità e le ricadute positive sul territorio, che si tradurranno in posti di lavoro per i giovani e sempre maggiori possibilità per il nostro comune di fare ancora di più sul piano sociale, con più iniziative per la scuola e per tutti i nostri cittadini”.