Valdarno: scacchi per prevenire il gioco d’azzardo. Al via “Gioco scaccia gioco” nelle scuole del territorio

182

Gli scacchi per prevenire il gioco d’azzardo. Ha preso il via oggi il progetto “Gioco scaccia gioco”, rivolto agli alunni di oltre 60 classi quinte elementari e prime medie delle scuole degli 8 comuni del Valdarno aretino. E’ curato dall’Associazione Conkarma, con un finanziamento di Anci Toscana, in collaborazione con la Conferenza Zonale per l’Istruzione e l’Educazione della vallata, il Coordinamento di Libera del Valdarno Superiore, la società dilettantistica Scacchi di Livorno, dove si svolge un’analoga iniziativa, il Serd della Asl Toscana sud est e gli Istituti Comprensivi valdarnesi.
L’obiettivo è promuovere “il gioco, quello vero, fatto di socializzazione, incontro con gli altri, sfida sulle proprie capacità – spiegano gli organizzatori – e contrastare il non gioco dell’azzardo che produce solitudine e drammi sociali e familiari in tante persone”.
Il primo step, preceduto dalla formazione di insegnanti e operatori, coinvolgerà 25 classi dei Comprensivi Petrarca, Magiotti, Mochi, Don Milani, Masaccio dei 4 comuni di Montevarchi, Loro Ciuffenna, San Giovanni, Laterina Pergine.
Contemporaneamente inizierà il monitoraggio del progetto a cura dell’Agenzia Regionale di Sanità e dell’Anci che lo supervisiona già dalla sua presentazione.
Sono state acquistate anche le scacchiere per la didattica e le partite grazie al contributo delle Sezioni Soci Coop di Montevarchi e San Giovanni.
Al termine della prima fase si svolgerà una finale del territorio e altrettanto avverrà a Livorno e le classi vincenti dei due territori si contenderanno a Firenze il titolo regionale.