28 Ottobre 2020 - 07:14

Dopo due anni riacceso il “Seccatoio di Biondo” a Poggio di Loro. L’antica tradizione delle castagne

Era spento da due anni. Ma quest’anno la produzione delle castagne è in aumento e in Pratomagno è tornato in piena attività uno storico seccatoio, il “Seccatoio di Biondo” a Poggio di Loro, riacceso ieri. E’un’antica tradizione quella delle castagne e la montagna valdarnese è uno dei territori di produzione. Per questo, in qualche frazione montana, esiste il cosiddetto seccatoio, che consente l’essiccazione delle castagne. Una costruzione semplice, una porta d’ingresso, una piccola finestra sul davanti e piccole aperture sulle pareti che permettono l’uscita del fumo.
L’essiccazione è un processo delicato che richiede anche oggi grande esperienza. Ne va della qualità della farina, elemento base per la polenta, il migliaccio e il baldino. Il seccatoio di Biondo è attivo dai primi del 1900 e questa antica tradizione è portata avanti da Giovanni Lelli, che ha seguito le orme del padre. L’attività del seccatoio sarà a pieno regime a fine ottobre.

[images_grid auto_slide=”no” auto_duration=”1″ cols=”three” lightbox=”yes” source=”media: 11536,11537″][/images_grid]

Foto tratte dal profilo Facebook dell’associazione “Poggio di Loro”

Marco Corsi
Direttore Responsabile